I carabinieri di Trapani intensificano i controlli per il rispetto delle norme anti-covid VIDEO

703

Continua l’azione dei Carabinieri di Trapani per sollecitare, con equilibrio e sensibilità, la responsabile adesione della popolazione al rispetto delle misure di prevenzione della diffusione della pandemia, anche attraverso l’esercizio di un’assidua attività di informazione, svolta da tutti presidi della rete molecolare istituzionale e, in particolar modo, dai Comandi Stazione, da sempre punti di riferimento delle comunità.

In tale quadro, con l’entrata in vigore dell’ordinanza regionale che ha dichiarato “zona rossa” la Sicilia, è stato ulteriormente rafforzato il capillare dispositivo di controllo del territorio, anche mediante il supporto di personale delle Squadre di Intervento Operativo del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia”. Le attività di verifica stanno riguardando l’attuazione delle previste misure precauzionali di contenimento del contagio nei luoghi di lavoro, in particolare esercizi commerciali, nonché il rispetto delle limitazioni imposte per evitare assembramenti. Nel corso di tali verifiche i Carabinieri hanno sanzionate oltre 50 persone, sia per spostamenti non dettati da motivi di lavoro, salute o necessità sia per mancata osservanza del divieto di assembramento. A titolo esemplificativo, assembramenti di persone, senza mascherine e senza rispettare il distanziamento, sono stati sanzionati nei pressi di distributori di bevande self-service, nei pressi di esercizi commerciali e, finanche, nei pressi di un autolavaggio. Continuano inoltre a pervenire presso le caserme dell’Arma chiamate da parte di cittadini che segnalano feste non autorizzate, come accaduto durante le scorse festività ad Alcamo (TP), quando i militari dell’Arma avevano sorpreso 14 persone a festeggiare un compleanno senza alcun rispetto delle misure di prevenzione per il contenimento della diffusione del COVID-19.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRifiuti: governo Musumeci sblocca 18 milioni per la differenziata nelle Città metropolitane
Articolo successivo‘Ndragheta, indagato l’Udc Cesa. AGGIORNAMENTO