“Uniamoci per salvare l’Italia”, appello dell’Anpi che ha riscosso molto successo

645

Sono notevoli le adesioni che in tutta sta riscuotendo l’appello lanciato dall’Anpi e al quale si sono associati ai massimi livelli ben trenta tra partiti, associazioni, sindacati, movimenti. Un appello dal significato semplice ma reso necessario dalla drammaticità nella quale versa il Paese: “ “ UNIAMOCI PER SALVARE L’ITALIA”. Un appello che nasce dopo un incontro promosso dal neo Presidente Nazionale dell’ANPI.

Anche a Trapani l’Anpi lancia l’appello per una grande alleanza democratica e antifascista e chiede agli amministratori, ai rappresentanti dei partiti, dei sindacati, delle associazioni, dei movimenti, della società civile di aderire e di condividerlo. E’ nostra precisa volontà a conclusione di questo prima momento promuovere un incontro, nel rispetto delle norme anti Covid per aprire una discussione sul territorio che possa continuare nel tempo.

Si potrà aderire inviando una mail a sezioneanpitrapani@gmail.com.

UNIAMOCI PER SALVARE L’ITALIA

Appello di Associazioni, Movimenti, Partiti, Sindacati nazionali

Uniamoci per salvare l’Italia. Per sconfiggere la pandemia, ricostruire il Paese, promuovere una democrazia più ampia e più forte, urge l’impegno delle forze migliori della società. Occorre una nuova visione per il nostro Paese. Cambiare per rinascere, ricomporre ciò che è disperso, unire ciò che è diviso, donare vicinanza dove c’è solitudine, vincere la paura costruendo fiducia.

Lanciamo un appello per una grande alleanza democratica e antifascista per la persona, il lavoro e la socialità, mettendo a valore ogni energia disponibile dell’associazionismo, del volontariato, del Terzo settore, del movimento sindacale, della cooperazione, delle giovani generazioni, del mondo della cultura, dell’informazione, delle arti e della scienza, della società civile, della buona economia, col sostegno delle istituzioni e dei partiti democratici.

Un’alleanza che guardi al dramma presente attraverso i valori della solidarietà e della prossimità promuovendo una nuova cultura politica dell’ascolto e dell’incontro, ma guardi anche al futuro, affinché l’Italia del dopo Covid non sia la restaurazione dei vecchi e fallimentari modelli economici e valoriali, ma si avvii verso il cambiamento sulla strada tracciata dalla Costituzione.

Un’alleanza che contrasti l’insopportabile crescere delle diseguaglianze, combatta l’avanzare incessante delle mafie e della corruzione, sostenga il valore della vita e la dignità della persona umana e il lavoro come fondamento della Repubblica, assuma il valore e la cultura della differenza di genere, rivendichi la tutela della salute come diritto fondamentale, la centralità della scuola e della formazione, la piena e reale libertà di informazione oggi insidiata da vere e proprie intimidazioni.

Un’alleanza che unisca giovani e anziani, donne e uomini, laici e religiosi, persone di diverse opinioni, ma unite sui principi dell’antifascismo, per un Paese che torni a progredire pienamente, su basi nuove, sulla strada della democrazia e della partecipazione e dove l’economia sia finalmente al servizio della società e della persona, come più volte ricordato anche da Papa Francesco.

Un’alleanza che abbia a base i valori non negoziabili della pace e dei diritti umani, che si opponga all’escalation dei focolai di guerra che generano una insensata corsa alla produzione di armamenti, che abbia nell’agenda e nel cuore l’impegno per la difesa dell’ambiente e contro la crisi climatica, che guardi all’Europa davvero dei popoli, un’Europa come una risorsa e non come un nemico, che si opponga ad ogni violazione della legalità democratica, che consegni al nostro popolo e alle giovani generazioni l’insegnamento del passato e la speranza del futuro.

Un’alleanza che dia nuova vitalità alla partecipazione democratica in un Parlamento del quale sia assicurata la centralità nei processi politici e decisionali.

La democrazia infatti non è un bene acquisito per sempre, ma richiede cure quotidiane, come dimostrano i drammatici fatti di Capitol Hill e le gravissime responsabilità di Trump.

Questo è il messaggio che intendiamo portare ovunque sul territorio, affinché si trasformi in una inedita, pacifica e potente mobilitazione nazionale.

Abbiamo alle spalle una straordinaria esperienza di valori chiamata Antifascismo e Resistenza, sulla cui base sono nate la Repubblica e la Costituzione, cioè la nuova Italia. Sono i valori della giustizia sociale, della libertà, della democrazia, della solidarietà, della pace, del lavoro. È giunto il momento di promuovere con lo sguardo di oggi un impegno democratico e antifascista che viene da lontano: uniamoci per salvare l’Italia, uniamoci per cambiare l’Italia.

UNIAMOCI PER SALVARE L’ITALIA

Appello di Associazioni, Movimenti, Partiti, Sindacati nazionali

ANPI • ACLI • ANED • ANPPIA • ARCI • ARTICOLO 1 • ARTICOLO 21 • ARS • CGIL • CISL •

COMITATI DOSSETTI • CDC • CUS • FIAP • FIVL • FONDAZIONE CVL • ISTITUTO ALCIDE CERVI

LEGAMBIENTE • LIBERA • LIBERTÀ E GIUSTIZIA • M5S • PCI • PD • PRC • 6000SARDINE • SI •

UIL • RETE DELLA CONOSCENZA• 6000SARDINE • UDU

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, il cimitero rimane aperto al pubblico
Articolo successivoCapitale Italiana della Cultura 2022 VIDEO