Castellammare, imprenditore dona alla Protezione Civile beni di prima necessità per i più bisognosi

11296

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Un piccolo grande gesto quello concretizzato nei giorni scorsi a Castellammare del Golfo. Infatti un imprenditore del posto, che ha scelto di rimanere anonimo, ha deciso di fare una consistente donazione di beni di prima necessità all’Associazione di Protezione Civile A.N.O.P.A.S. per i soggetti più bisognosi. A Castellammare dall’inizio della pandemia legata al Covid-19 sono stati tanti i gesti di solidarietà di cittadini, imprese e commercianti in favore di chi è rimasto indietro. Una rete di solidarietà che in questi mesi ha visto tra i protagonisti parrocchie, Comune, volontari, associazioni e semplici cittadini.

Nello specifico nei giorni scorsi un imprenditore castellammarese ha acquistato e donato molti beni alimentari di prima necessità donandoli direttamente all’Associazione di Protezione Civile: “Un nostro concittadino ha scelto di donare questi beni alimentari alla nostra associazione per la stima che ripone in noi. È anche un attestato di stima e  gratitudine per il nostro lavoro in questi mesi di emergenza sanitaria. – spiega ad Alqamah.it Mario Collica, Presidente A.N.O.P.A.S. – Nelle prossime ore distribuiremo questi beni ad alcune famiglie in difficoltà segnalate dai servizi sociali del Comune di Castellammare. Si tratta di un bel gesto di solidarietà verso la città che apprezziamo. Siamo molto felici di poter concretizzare il desiderio di questo imprenditore”.

Nello specifico la donazione consiste in pacchi di pasta, fette biscottate, biscotti, cibo in scatola, sale, succhi di frutta, salsa di pomodoro, zucchero, latte e altro.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli aggiornamenti del 18 gennaio sul coronavirus nel trapanese: 2883 positivi
Articolo successivoAlcamo. Arrestato usuraio dai Carabinieri. Interessi corrisposti oltre il 200% VIDEO
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.