I sindacati di Polizia Penitenziaria incontrano l’Assessore Razza

769

PALERMO. “Il passaggio dalla sanità penitenziaria alle aziende ospedaliere ha creato un vuoto di tutele sanitarie per i lavoratori della Polizia Penitenziaria, è in questo momento di pandemia ha confermato  l’errore, non perché vogliamo corsie preferenziali, ma poiché focolai di contagi nelle carceri potrebbero riversarsi sull’ordine pubblico.” Queste sono le parole  dei Segreterai Regionali di SAPPE (Carmelo Balsamo), UILPA Polizia Penitenziaria (Gioacchino Veneziano), FNS CISL (Domenico Ballotta) USPP (Francesco D’Antoni) che unitamente al Dirigente Generale dell’Amministrazione Penitenziaria D.ssa Cinzia Calandrino hanno partecipato ad un incontro a Palazzo D’Orleans con l’Assessore alla Salute Avvocato Ruggero Razza,e con l’Avvocato Toto Cordaro Assessore al Territorio.

Per i leader regionali dei sindacati della Polizia Penitenziaria è stata l’occasione  per accelerare la firma del Protocollo Sanitario Protocollo in tema di prevenzione e contenimento del rischio da contagio da COVID-19 nei luoghi di lavoro e nei servizi degli Istituti penitenziari e sedi dell’amministrazione penitenziaria che supererà di fatto il vulnus normativo che vietava di fatto l’azione degli operatori delle AA.SS.PP che lavorano dentro le strutture carcerarie di attendere anche alla salute dei lavoratori della Polizia Penitenziaria e delle altre figure professionali.

L’opportunità, continuano i sindacalisti di Sappe, UilPa Polizia Penitenziaria, Fns Cisl,e Uspp è stata utilissima, perché a margine si è discusso delle questioni riguardanti la carenza di strutture carceraria idonee a custodire detenuti con problemi psichiatrici, quindi la necessita di rafforzare le REMS (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza)e le CTA(Comunità Terapeutica Assistenziale), perché la soppressione del Ospedali Psichiatrici Giudiziari ha riversato centinaia di soggetti problematici all’interno delle carceri normali, rendendo davvero pericolosa le gestione complessiva dell’ordine e la sicurezza, fermo restando le continue e non più tollerabili aggressioni nei confronti degli operatori di Polizia Penitenziaria da parte di tali soggetti detenuti.

L’Assessore Razza ha chiarito che c’è stato sin dall’atto dell’insediamento del Capo del DAP Presidente Bernando Petralia e il Provveditore Regionale della carceri Siciliane D.ssa Cinzia Calandrino una costante ed incessante interlocuzione con i vertici del proprio Assessorato per  accelerare nel risolvere le annose questioni sollevate oggi dai sindacati, e proprio per tale motivo ha proposto un tavolo permanente di confronto per la questione della sanità all’interno delle carceri con l’Amministrazione Penitenziaria e le OO.SS della Polizia Penitenziaria, aggiungendo che sta cercando  anche una linea di azione con il Ministero della Sanità per verificare le condizioni per operare degli interventi legislativi tra Governo Nazionale e Regionale per la possibile individuazione di strutture carcerarie ad hoc per  convertirle a tale funzione.

A margine dell’incontro le sigle SAPPE- UILPA Polizia Penitenziaria- FNS CISL -USPP sono state informate che giovedì 20 gennaio alle ore 12.00 a Palazzo d’Orleans ci sarà la sottoscrizione  del  Protocollo Sanitario con l’Amministrazione Penitenziaria Sicilia,(precisando che è la prima convenzione in Italia di tale portata) con la presenza del Capo del DAP  Bernardo Petralia,il Presidente della Regione Nello Musumeci, l’Assessore alla Salute Ruggero Razza e al Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria Cinzia Calandrino.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMarsala, il Sindaco premia cittadini che operano nel sociale
Articolo successivoChiusure scuola in Sicilia, Uil e Uil Scuola Trapani contro l’ordinanza regionale