Salemi, operazione “Capodanno sicuro”: sequestrati oltre 80 kg di fuochi pirotecnici

882

SALEMI. Con l’approssimarsi della fine dell’anno, i Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, hanno svolto mirati controlli finalizzati alla prevenzione della vendita di articoli pirotecnici pericolosi e non conformi alla normativa di settore.

Nell’ambito dei controlli volti al contrasto dell’illecita detenzione di materiale pirotecnico, i Carabinieri della Stazione di Salemi hanno denunciato in stato di libertà S. D., 32enne del posto, ritenuto responsabile di omessa denuncia, fabbricazione/commercio abusivo di materiale esplodente, anche in considerazione dell’ingente quantità di materiale rinvenuto.

In particolare, i militari dell’Arma, durante una perquisizione locale presso l’abitazione del denunciato, hanno rinvenuto all’interno del ripostiglio sito al piano terra, circa 65 kg di fuochi pirotecnici di categoria F2 e 17 kg relativi alle categorie F1 e T1, destinati  verosimilmente alla vendita al dettaglio in occasione degli imminenti festeggiamenti di Capodanno.

Tale materiale pirotecnico era detenuto in assenza di titolo autorizzativo, senza alcuna cautela nella custodia e in quantità superiore a quanto previsto delle disposizioni di Legge che impongono un preciso limite alle quantità da detenere.

Il materiale sequestrato, il cui valore ammonta a circa cinquemila euro, era custodito in locali non idonei e quindi costituente pericolo per l’incolumità personale, familiare e pubblica, data la presenza nella zona di altre abitazioni.

Quanto scoperto è frutto della scrupolosità dei controlli che l’Arma dei Carabinieri attua in questo delicato ambito a tutela non solo della legalità, ma soprattutto della salute dei cittadini, poiché l’uso incauto dei fuochi d’artificio può produrre lesioni gravi come ustioni al viso e alle mani e danni alla vista.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAsp Trapani, al via la campagna vaccinale Covid-19: oggi 37sanitari sottoposti a vaccino al Sant’Antonio Abate
Articolo successivoL’ex presidente Atm torna libero