Cracolici e Dipasquale: “Governo Musumeci e maggioranza centrodestra “privatizzano” anche le “spiagge libere” e bloccano l’accesso al mare”

636

PALERMO. “Ci siamo battuti in difesa della libera fruizione del mare e delle spiagge in Sicilia, opponendoci a nuove concessioni per attività balneari che di fatto impedirebbero l’accesso al mare e la possibilità per i bagnanti di godere degli spazi di ‘spiaggia libera’ in ampi tratti di costa della Sicilia. Nel corso dell’esame del disegno di legge sul Demanio marittimo abbiamo anche proposto un emendamento che prevedeva che almeno il 60% delle attuali ‘zone di spiaggia libera’ potessero rimanere tali, ma la Presidenza lo ha dichiarato inammissibile. Adesso, alla luce delle norme volute dal governo Musumeci e dalla sua maggioranza, si rischia una ‘privatizzazione selvaggia’ del demanio marittimo in Sicilia”. Lo hanno detto Antonello Cracolici e Nello Dipasquale, parlamentari regionali del PD, nel corso della seduta dell’Ars di oggi dedicata all’esame del disegno di legge “Disposizioni in materia di Demanio marittimo”.

“Sappiamo bene che le attività legate ai lidi balneari rappresentano un importante volano per l’economia locale – concludono Cracolici e Dipasquale – ma concedere nuove concessioni in aggiunta a quelle già esistenti, destinate ad occupare quella che fino ad oggi è stata ‘spiaggia libera’, significa togliere il diritto ai siciliani ed ai turisti che ‘non pagano un biglietto’ di poter godere del nostro mare”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Prefetto di Trapani in visita all’82° Centro Combat SAR di Birgi VIDEO
Articolo successivoNuova Iside, corpo trovato in Calabria è del comandante Vito Lo Iacono