Alcamo, finanziato dal GAL il progetto per il restauro del Castello di Calatubo

871

ALCAMO. È stato finanziato dal GAL Golfo di Castellammare il progetto per i Lavori di Restauro e rifunzionalizzazione del Castello di Calatubo 1° stralcio, per un importo di 276.404,28 euro corrispondenti al 100% della spesa ritenuta ammissibile.

Il progetto, presentato dal comune di Alcamo, rientra nell’AMBITO TEMATICO TURISMO SOSTENIBILE AZIONE PAL: 1.4 MISURA 7 “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali” SOTTOMISURA 7.2 “Sostegno a investimenti finalizzati alla creazione, al miglioramento o all’espansione di ogni tipo di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico”.

Dichiarano congiuntamente il Sindaco Domenico Surdi ed il vice sindaco Vittorio Ferro “siamo molto soddisfatti per il finanziamento ottenuto; per noi è un traguardo storico, finalmente abbiamo a disposizione una somma ragguardevole che ci permetterà di mettere in sicurezza il Castello di Calatubo, dopo i primi lavori degli anni precedenti. E’ un progetto in cui abbiamo creduto tanto per la sua valenza culturale e paesaggistica, ringraziamo quanti si sono impegnati per il risultato, l’ufficio, il RUP, il GAL, la Soprintendenza di Trapani e le associazioni che hanno collaborato all’idea progettuale. Adesso sarà nostra cura seguire le procedure di gara, affinché i lavori possano iniziare celermente”.

Concludono Sindaco e vice sindaco “è un successo, un momento significativo, non solo dell’Amministrazione ma anche di quanti, e sono stati davvero tanti, attraverso il FAI e l’Associazione Salviamo il Castello di Calatubo, hanno contribuito a portare il nostro Castello alla ribalta nazionale e farlo votare come uno dei LUOGHI DEL CUORE. Speriamo questo sia un primo passo per continuare ad ottenere ulteriori finanziamenti per Calatubo e poter ristrutturare per intero ciò che resta dell’antico maniero”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSentenza omicidio Rostagno, il commento dell’Associazione “Ciao Mauro”
Articolo successivoContratto di costa: affidata la progettazione degli interventi antierosione nei primi 14 Comuni