Alcamo: 25 novembre giornata internazionale contro la violenza sulle donne

301

Anche ad Alcamo domani, 25 novembre, si celebra la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999.

La Consulta per le Pari Opportunità e l’Uguaglianza di Genere, in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, la FIDAPA sez. di Alcamo e il Lions Club Alcamo, organizza per il 25 Novembre un momento scenografico, in Piazza Ciullo a cura di alcuni negozi di abbigliamento alcamesi.

Dichiarano congiuntamente l’Assessore ai Servizi Sociali, Stefano Alessandra e la Presidente della Consulta, Anna Alcamo “vogliamo celebrare, come ogni anno, la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, seppur in un momento delicato come quello attuale segnato dall’emergenza sanitaria. Desideriamo sensibilizzare la cittadinanza a condividere un messaggio di speranza e sostegno verso tutte quelle donne che, ogni anno, sono vittime di violenza.

In piazza Ciullo – continua la Presidente – sarà creata una scenografia con dei manichini, tema rosso, a cura di boutique locali; mentre sono tanti gli altri negozi di abbigliamento del Corso VI Aprile e del Viale Europa (anche via V. Veneto) che attualizzeranno le proprie vetrine sul tema violenza di genere.

Nel pomeriggio, la Consulta parteciperà ad un convegno organizzato dalla FI.DA.PA. mediante piattaforma zoom, dal titolo “La Convenzione di Istanbul Prevenzione ed Applicazione”; nello specifico, la Consulta Pari Opportunità e Uguaglianza Di Genere presenterà un lavoro a cura della dott. ssa La Chioma Federica, Vice Procuratore presso la Procura di Palermo. Saranno presenti all’incontro in modalità web, l’Assessore Stefano Alessandra, la presidente della Prima Commissione Consiliare, Piera Calamia e la Presidente per le Pari Opportunità, Anna Alcamo insieme ad alcune​ componenti della Consulta stessa. L’evento sarà divulgato​ alla cittadinanza attraverso i social.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarcere Trapani, Covid: “Il sistema regge”. Parte il tavolo tecnico con tutte le sigle sindacali
Articolo successivoUn giudizio che non arriva