Tamponi rapidi, prosegue screening della Regione. Drive in anche nel trapanese

1120

Ancora una volta il target individuato è la popolazione scolastica, ma il test rapido potrà essere effettuato anche ad altri soggetti

Non si arresta la campagna attivata della Regione Siciliana per contrastare la diffusione del Coronavirus nell’Isola. A partire da oggi e fino al 23 novembre sarà infatti possibile fare i tamponi rapidi nei drive-in che sono stati allestiti in 50 Comuni dell’Isola. Ancora una volta il target individuato è la popolazione scolastica che potrà sottoporsi volontariamente e gratuitamente al test.

Novità di queste settimane è la piattaforma on-line (www.siciliacoronavirus.it), attivata per semplificare la procedura. Infatti, una volta fatto l’accesso al portale sarà sufficiente cliccare sul bottone “tampone rapido Covid19” e compilare il modulo di registrazione scegliendo la data disponibile tra i drive-in proposti. La piattaforma indicherà, dunque, la fascia oraria che verrà generata automaticamente in base al numero di prenotazioni già acquisite. Nel form di registrazione il cittadino dovrà indicare la “categoria di appartenenza” che riconduce al target dello screening (personale docente, non docente, studenti e propri nuclei familiari).

In caso di esito positivo al tampone, il cittadino verrà immediatamente sottoposto a quello molecolare per la necessaria conferma, così come previsto dai protocolli sanitari vigenti. L’iniziativa del governo Musumeci è realizzata in collaborazione con Anci Sicilia e le amministrazioni locali e con il supporto della Protezione civile regionale e dei volontari.

I drive-in saranno operativi nelle seguenti città: Licata e Grotte, in provincia di Agrigento; Caltanissetta, Gela, Niscemi, Delia, Mussomeli, Riesi, Mazzarino e Sommatino, nel Nisseno; Enna bassa e Nicosia, in provincia di Enna; Cefalù e Campofelice di Roccella, nel Palermitano; Ragusa, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Scicli, Vittoria, Acate, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo e Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa; Siracusa, Rosolini, Carlentini, Noto, Avola, Pachino/Portopalo, Lentini e Francofonte, nel Siracusano; Trapani, Alcamo, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Erice, Marsala, Mazara del Vallo, Partanna, Salemi, Paceco, Castellammare del Golfo, Custonaci e Valderice, in provincia di Trapani.

Palermo e Catania proseguono, inoltre, i test eseguiti direttamente nelle scuole e in particolare nel capoluogo siciliano continuerà a essere attivo il drive-in. Seguiranno aggiornamenti, da parte delle Asp e dei Comuni, sui giorni, gli orari e i siti individuati per le operazioni di prelievo.

Drive in a Castellammare del Golfo, cosa c’è da sapere

Domenica 22 novembre, nel piazzale del cimitero, screening dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle ore 14.30 alle 19.30, in modalità drive in. Per l’accesso: presentarsi sul posto e compilare il modello fornito o prenotare online (www.siciliacoronavirus.it).

Prosegue l’attività di screening dell’Asp di Trapani: domenica 22 novembre, nel piazzale antistante il cimitero, tampone rapido gratuito per la ricerca del virus Sars- Cov2 rivolto agli studenti di scuola elementare ed ai loro familiari, al personale docente e non docente.

Per Castellammare del Golfo solo nella giornata di domenica, dalle ore 9,30 alle 13,30 e dalle ore 14,30 alle 19,30, in modalità drive in (rimanendo in auto) l’iniziativa di screening a cura dell’Asp di Trapani, questa volta rivolta agli studenti delle elementari, familiari e personale scolastico che vorranno sottoporsi al tampone antigenico rapido.

In alternativa alla compilazione dei modelli sul posto, fino alle ore 16 di domenica 22 novembre è possibile prenotare il tampone rapido sul portale www.siciliacoronavirus.it quindi cliccare sul bottone “tampone rapido Covid19” e compilare il modulo di registrazione scegliendo la località e la data disponibile tra i drive in proposti. Chi sceglierà questa procedura dovrà esibire la prenotazione in forma cartacea.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSicilia: Lega, comparto oleario rischia collasso
Articolo successivoPantelleria, 40 mila euro a disposizione per ogni Contrada.