Scuola, la Cgil chiede l’apertura degli sportelli di ascolto e sostegno psicologico nelle scuole

235

TRAPANI. “I fondi messi a disposizione dal Ministero della Pubblica Istruzione per fornire supporto psicologico nelle scuole durante il Covid-19 non possono essere persi e confidiamo che tutti gli Istituti della Provincia di Trapani ne abbiano fatto richiesta “.

A intervenire sugli sportelli di ascolto psicologico da attivare negli Istituti scolastici della provincia, utilizzando le risorse stanziate per l’emergenza Covid-19, sono Antonella Granello della segreteria provinciale della Cgil e il segretario provinciale della Flc Cgil Ignazio Messana.

Per l’anno scolastico in corso, gli Istituti scolastici possono, infatti, disporre di 4 mila e 800 euro da utilizzare per il supporto psicologico rivolto agli studenti, agli insegnanti e ai genitori.

In particolare, la misura scaturisce da un Protocollo nazionale, siglato ad agosto fra il Ministero dell’Istruzione e i sindacati.

“In questa delicata fase – dicono Granello e Messana – legata all’emergenza Coronavirus è particolarmente importante puntare, in tutte le scuole, sul sostegno psicologico per far fronte a situazioni di insicurezza, timore di contagio, difficoltà di concentrazione e situazione di isolamento. Emergenza Covid a parte, riteniamo che negli Istituti scolastici, l’ascolto e il sostegno psicologico vadano garantiti, di anno in anno, anche attraverso l’utilizzo di altri Fondi strutturali”.

Per la Cgil e la Flc Cgil “il supporto psicologico agli studenti e alle loro famiglie deve essere considerato fra i servizi essenziali che dovrebbe essere  garantito negli Istituti scolastici di ogni ordine e grado per prevenire e arginare forme di disagio psicologico” .

La Cgil e la Flc Cgil promuoveranno una campagna di sensibilizzazione e promozione per l’attivazione degli sportelli di ascolto nelle scuole.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMafia, operazione Cicero: 6 condanne e 2 assoluzioni
Articolo successivoCannabis terapeutica, in Sicilia al via corso per formare i prescrittori