Castellammare, forum antimafie in streaming. Tema: Ecomafie

572

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Si terrà oggi, sabato 14 novembre, il primo tavolo tematico del Forum Antimafie di Castellammare del Golfo. Al Forum, nato in seguito dell’Operazione antimafia “Cutrara”, partecipano tantissime associazioni locali che hanno scelto insieme di dire no facendo rete. Il primo tavolo tematico di in-formAzione Antimafia sarà sul tema Ecomafie. Al tavolo parteciperanno Davide Piccione (Libera – Marsala), Francesco Gruppuso (Associazione Bosco Angimbè e Comitato No Gassificatore) e Vincenzo Romano (Comitato Stop Incendi Calabria).

“È passato ormai un bel po’ di tempo dal Forum del 7 luglio. – si legge sulla pagina Facebook del Forum – Questi mesi però non sono trascorsi invano e ci hanno consentito di intrecciare in una trama concreta le fila di quanto ci eravamo detti allora, raccogliendo le riflessioni e le proposte che erano state messe in campo.

Partendo dunque dagli spunti di allora abbiamo deciso di proporre alla cittadinanza un percorso di (In)formAZIONE ANTIMAFIA. Si tratterà, in particolare, di tre cicli di incontri tematici attraverso i quali intendiamo: Fare INFORMAZIONE di qualità; Contribuire alla costruzione di una “sana e robusta” FORMAZIONE sull’odierno modus operandi della mafia e sulle dinamiche da essa favorite; Elaborare, su queste basi, concrete strategie di AZIONE contro l’ostinato virus mafioso. Il nostro calendario prevede degli incontri a cadenza mensile che, a causa delle restrizioni messe in atto per limitare il contagio di Covid-19, si svolgeranno in modalità remota attraverso la piattaforma Zoom (link disponibile su facebook 48 ore prima). La registrazione video degli incontri sarà poi resa pubblica attraverso la nostra pagina del Forum.

Abbiamo sentito il dovere e il bisogno di collegarci all’attualità degli ultimi mesi e quindi con il primo incontro di (In)formAZIONE si parlerà di Ecomafia, della mafia che specula e impatta sull’ambiente, che soffoca come una cappa e avvelena silenziosamente il nostro territorio, compromettendo gravemente, con la sua gestione malata, la possibilità di un futuro più verde e più sostenibile. Cercheremo soprattutto di analizzare e comprendere l’intreccio devastante e perverso ‒ in molti ambiti palese e provato, in altri oscuro ma probabilissimo ‒ che esiste tra mafia e gestione ambientale. Il primo incontro – affermano gli organizzatori – vedrà la partecipazione di Davide Piccione (Libera – Marsala), Francesco Gruppuso (Associazione Bosco Angimbè e Comitato No Gassificatore) e Vincenzo Romano (Comitato Stop Incendi Calabria): ascolteremo quanto queste persone avranno da raccontare a partire dalla loro diretta esperienza (ogni intervento avrà la durata di circa 15 minuti) e in seguito si lascerà spazio alle osservazioni, alle domande e, in generale, a un confronto fertile e costruttivo tra cittadini che vogliono essere più informati, preparati, consapevoli e attivi”. Il primo appuntamento è per oggi sulla piattaforma ZOOM dalle 17.30- alle 19.00.

Quello di oggi sarà un tavolo tematico aperto, così come i successivi, a cui seguiranno riferimenti bibliografici, siti, mappe e altro materiale digitale per tutti quelli che desidereranno approfondire le tematiche.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSentenza Strage Pizzolungo
Articolo successivoCastellammare, proseguono le riprese della fiction “Makari”