Sequestrato autolavaggio abusivo, attingeva acqua da un pozzo comunale

1950

Nell’ambito delle attività di controllo economico del territorio, i Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo hanno sequestrato un autolavaggio totalmente abusivo che attingeva l’acqua da un pozzo comunale all’interno di un’area adibita a parcheggio in via Umberto Giordano.

All’atto dell’accesso il titolare non è stato in grado di esibire la documentazione necessaria a svolgere l’attività commerciale, la dichiarazione SCIA e l’Autorizzazione Unica Ambientale.

Dagli accertamenti immediatamente eseguiti dai Finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano è emersa, inoltre, la presenza di un pozzo comunale da cui veniva prelevata l’acqua utilizzata per l’attività esercitata abusivamente.

Di conseguenza le Fiamme Gialle hanno proceduto al sequestro penale del pozzo, del locale e delle attrezzature trovate al suo interno. È stato inoltre denunciato il titolare dell’autolavaggio – D.A. quarantenne palermitano – alla locale Procura della Repubblica per il reato di omessa domanda di autorizzazione agli scarichi di acque reflue industriali previsto dagli artt. 124-125 del T.U. Ambiente (D. Lgs. 152/2006).

L’operazione rientra tra i compiti istituzionali della Guardia di Finanza quale polizia economico – finanziaria costantemente impegnata alla repressione delle attività commerciali abusive e a tutela dell’ambiente.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteProrogate le agevolazioni per l’occupazione del suolo pubblico
Articolo successivoSequestro prodotti da forno