Nuove disposizioni per l’accesso ai cimiteri per la Commemorazione dei Defunti

3876

Entrata contingentata, quindi numero limitato a 300. Nuove disposizioni rispetto all’Ordinanza di pochi giorni fa sull’accesso ai cimiteri per la Commemorazione dei Defunti

Una modifica sostanziale all’Ordinanza di pochi giorni fa che regolava l’entrata ai cimiteri per la Commemorazione dei Defunti, che prevedeva l’apertura da lunedì 26 Ottobre a mercoledì 4 Novembre dalle ore 7:30 alle ore 17:00. Invece la modifica porterà ad una sostanziale limitazione nel numero di coloro che possono accedere, ma non solo:

a) l’accesso ai cimiteri avverrà dagli ingressi principali mentre per l’uscita debbono essere utilizzati gli accessi laterali, nel rispetto della segnaletica posta all’interno delle aree cimiteriali e delle indicazioni che verranno fornite dai volontari di protezione civile o dal personale comunale;

b) l’accesso ai cimiteri è consentito per gruppi in modo tale che, tenuto conto del deflusso, non si creino assembramenti all’interno di ciascun cimitero, avendo come riferimento massimo la presenza di n 300 (trecento) persone all’interno di ciascuno cimitero; a tal fine, è fortemente raccomandato ai cittadini di sostare all’interno del cimitero per un tempo massimo di 45 minuti; tale tempo sarà scandito dal suono di una sirena;

c) l’accesso nei colombari comunali al chiuso è limitato ad un numero massimo di 5 visitatori per volta, anche per consentire il ricambio in base al deflusso e con una permanenza all’interno del colombario  di massimo 15 minuti;

d) l’accesso alle cappelle gentilizie è consentito contemporaneamente a non più di n. 3 persone;

e) per non ostacolare il deflusso pedonale, è vietato occupare l’area antistante le tombe con sedie, vasi ed altro materiale ingombrante.

f) i cittadini:

  • dovranno indossare in maniera corretta la mascherina protettiva sia durante i turni di attesa sia durante la permanenza all’interno del cimitero;
  • dovranno rispettare la distanza interpersonale di 1 metro, fatte salve le esigenze di accompagnamento di persone anziane che necessitano di assistenza da parte di familiari o persone conviventi;
  • dovranno permanere all’interno del cimitero per il periodo strettamente necessario per la visita ai propri defunti;

2. Il personale in servizio presso il Cimitero, la cui dotazione verrà implementata con l’assegnazione temporanea di personale di altre direzioni, assicurerà l’apertura e chiusura dei cancelli, e fornirà assistenza e informazioni per tutto il periodo di apertura dei cimiteri in maniera continuativa.

3. Il servizio comunale di protezione civile, avvalendosi delle Associazioni di Volontariato che con la stessa collaborano in convenzione, vigilerà e controllerà sulla corretta applicazione da parte dei visitatori delle misure sanitarie vigenti per il contenimento del Covid-19 e sul rispetto delle misure organizzative di cui al presente provvedimento; il dirigente comunale della protezione civile assume tutti i provvedimenti e le misure necessarie per dare piena e puntuale esecuzione alla presente ordinanza, avendo cura, in particolare, di tracciare a terra, lungo la Via Cappuccini a partire dall’incrocio con Via Spirito Santo, appositi segnali distanziatori posti ad un metro l’uno dall’altro, con conseguente obbligo per i visitatori di seguire le indicazioni che indirizzano la circolazione pedonale.

4. La tradizionale celebrazione della Santa Messa del 2 novembre 2020 in memoria dei defunti all’interno del cimitero comunale avverrà nel rispetto dell’art. 1, comma 9, lett. q) del Dpcm 24 ottobre 2020, secondo il protocollo allegato 1 al medesimo decreto. Nei pressi del luogo di celebrazione la Protezione Civile Comunale indicherà i punti di distanziamento come da normativa.

5. Al dirigente responsabile della protezione civile l’adozione dei provvedimenti necessari volti a garantire la l’esecuzione della presente ordinanza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli aggiornamenti del 26 ottobre sul coronavirus nel trapanese: salgono a 785 i positivi
Articolo successivo“Sorella sanità”, giudizio immediato per Candela, Damiani e altri otto