Progetti utili alla collettività con l’impiego dei cittadini percettori del Reddito di Cittadinanza

760

Importante passo avanti per l’attuazione dei PUC, progetti utili alla collettività, con l’impiego dei cittadini percettori del Reddito di Cittadinanza.

Ieri mattina, in conferenza dei Sindaci del Distretto sociosanitario D50, presieduto dal Comune di Trapani, presenti anche i Comuni di Buseto Palizzolo, Favignana, Erice, Paceco, Valderice, Custonaci e San Vito Lo Capo, deliberati i primi 5 macro progetti che vedranno impegnati oltre 950 soggetti percettori del reddito di cittadinanza tenuti ad offrire la loro disponibilità a svolgere attività programmate dagli EELL, per un massimo di 16 ore settimanali.
Si va dunque verso l’attuazione di una direttiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e, in particolare si è deciso di puntare su progetti riguardanti la cura e manutenzione del verde pubblico, dell’igiene ambientale, della custodia e sorveglianza dei siti culturali oltre che di sostegno alla formazione sociale.
L’assemblea dei Sindaci ha anche recepito le istanze dei territori che gradualmente attiveranno i progetti dopo l’adesione dei Cittadini percettori di RC nell’ambito dei Patti per il lavoro e/o per l’inclusione sociale. Seguiranno ovviamente le verifiche sanitarie, i percorsi di formazione e l’assegnazione dei dispositivi di sicurezza ai Cittadini impiegati nei suddetti progetti.
Il Sindaco Tranchida: “Siamo convinti che dare finalmente una possibilità a questi Cittadini nell’essere attivamente utili alla propria Comunità assume una duplice valenza: renderli partecipi di un progetto d’utilità sociale per la propria comunità e dare al pari dignità ai percettori di reddito – aiuto sociale nell’attesa di una auspicabile nuova occupazione “

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSicilia: insediato il nuovo Cda dell’Istituto vino e olio
Articolo successivoMauro De Mauro, “e’ una storia di soldi, di tanti soldi”