Si oppongono con violenza al sequestro dello scooter: arrestati due giovani trapanesi

1150

Sono stati tratti in arresto, dai Carabinieri di Trapani, con l’accusa di resistenza a Pubblico Ufficiale, i fratelli Barraco Domenico Francesco Paolo, classe 1998 e Natale Giuseppe, classe 2001, trapanesi, entrambi gravati da precedenti di polizia.

I due giovani fermati, a bordo di un ciclomotore, e sottoposti ad un controllo alla circolazione stradale, risultavano essere sprovvisti di copertura assicurativa, privi di patente di guida e di casco protettivo.  Mentre i militari dell’Arma si apprestavano a porre sotto sequestro amministrativo lo scooter, secondo quanto previsto dal Codice della Strada in assenza della necessaria assicurazione del veicolo, i due soggetti si sono opposti con violenza, danneggiando il veicolo in varie parti della carrozzeria, tentando di incendiarlo e di catapultarlo in mare, senza tuttavia riuscirci per il pronto intervento degli operanti.

Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati tradotti presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida. Nella giornata di ieri, la competente Autorità Giudiziaria, nel convalidare l’arresto eseguito dai Carabinieri, ha sottoposto i fratelli Barraco alla misura cautelare dell’obbligo di dimora con il divieto di uscire di casa nelle ore notturne.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa lotta contro la mafia e la cultura del silenzio degli onesti, Don Pino ha vinto.
Articolo successivoGli aggiornamenti del 15 Settembre sul coronavirus nel trapanese: salgono a 229 i positivi