Cgil, Cisl e Uil Trapani: “Investire sul territorio per superare crisi”. Il 18 mobilitazione nazionale

262

Ripartire dal lavoro, il 18 settembre mobilitazione nazionale. A Palermo anche una delegazione di Cgil, Cisl e Uil Trapani

TRAPANI. Una delegazione di Cgil, Cisl e Uil Trapani parteciperà il prossimo 18 settembre alla manifestazione “Ripartire dal lavoro” che si terrà dalle 9,30 al Foro Italico di Palermo, nell’ambito della mobilitazione nazionale organizzata dai sindacati confederali in tutte le regioni italiane.

Ammortizzatori sociali e vertenze aperte, riforma fiscale e lotta all’evasione, rinnovo contratti nazionali pubblici e privati, diritto all’istruzione e a una scuola sicura, sanità pubblica, sicurezza sul lavoro, investimenti, politiche industriali, digitalizzazione, lavoro stabile e sostenibile, mezzogiorno, legge per non autosufficienza, previdenza e inclusione sociale. Sono i temi che saranno al centro della mobilitazione alla quale interverranno Alfio Mannino segretario generale Cgil Sicilia, Sebastiano Cappuccio segretario generale Cisl Sicilia e Claudio Barone segretario generale Uil Sicilia.

Concluderà i lavori il segretario generale aggiunto Cisl Gigi Sbarra.

“In un momento così delicato e difficile per il nostro territorio  – affermano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Trapani Filippo Cutrona, Leonardo La Piana ed Eugenio Tumbarello – in cui il disagio sociale ed economico sono diventati ancor più aspri a causa dell’emergenza sanitaria non ancora finita, è necessario  più che mai mettere in campo quelle politiche per lo sviluppo e il rilancio che abbiamo più volte chiesto alle istituzioni. Parteciperemo per affermare ancora una volta che le difficoltà che questa provincia vive devono essere superate con precise scelte e investimenti relativi a lavoro e alle politiche sociali”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePaceco, il Consiglio approva il Dup e il Bilancio di previsione 2020/2022
Articolo successivoCoronavirus, L’Ass. Razza: “Situazione sotto controllo, ma pronti ad ulteriori interventi”