Premio Cristiana Matano, i vincitori dell’edizione 2020

332

Gustav Hofer (Arte Journal TV) per la stampa estera, Alice Martinelli (Italia1, Le Iene) e Giovanni Verga (L’Eco di Bergamo) per la stampa italiana, e Daniele Puggioni (La Nuova Sardegna), giornalista emergente, sono i vincitori della quinta edizione del Premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano”, dedicato alla giornalista prematuramente scomparsa l’8 luglio 2015. Lo ha deciso la giuria del Premio presieduta da Riccardo Arena (Giornale di Sicilia) e composta anche da Gaspare Borsellino (Italpress), Felice Cavallaro (Corriere della Sera), Raffaella Daino (Sky), Enrico Del Mercato (La Repubblica), Roberto Gueli (Rai), Xavier Jacobelli (Tuttosport), Francesco Nuccio (Ansa), Elvira Terranova (AdnKronos) e Trisha Thomas (Associated Press).

Oltre 60 elaborati arrivati, tutti di ottimo livello: contengono testimonianze, fatti e reportage – legati a Lampedusa, al Mediterraneo, ma anche a tutti gli altri luoghi di confine del mondo – inerenti ai valori della solidarietà e dell’integrazione, al fenomeno delle migrazioni, allo sviluppo del turismo e alla bellezza del territorio, alla salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente. Il premio è riservato ai giornalisti italiani iscritti all’Ordine e ai giornalisti stranieri autori di articoli, inchieste e servizi andati in onda e/o pubblicati su carta stampata, tv, radio, agenzie di stampa e testate online, tra il 1° giugno 2019 e il 31 maggio 2020. Il tema dell’edizione 2020 era: “Lampedusa, Mediterraneo di pace: occhio del mondo sulla coesistenza fra i popoli”. La premiazione si svolgerà il prossimo 27 settembre a Lampedusa.

«Siamo soddisfatti della qualità e della quantità degli elaborati pervenuti, anche quest’anno numerosi nonostante l’emergenza sanitaria che ha paralizzato il mondo e ci ha costretti a vivere di incertezze e a spostare il nostro appuntamento dalla tradizionale data di luglio a fine settembre», è il commento di Filippo Mulè, presidente dell’Associazione “Occhiblu”, la onlus che organizza l’evento. «Il Premio cresce ed è apprezzato, per questo motivo abbiamo deciso di andare avanti e di affrontare ogni ostacolo. Naturalmente tutto si svolgerà nel pieno rispetto delle norme di prevenzione dai contagi da Covid-19 e delle ordinanze in vigore. Il mio ringraziamento va a tutti i partecipanti e alla giuria che ha lavorato come sempre con grande lena, serietà e puntualità».

Maggiori informazioni sul sito www.occhibluonlus.com

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePronto il progetto per la riqualificazione dell’ex Mattatoio comunale di Trapani
Articolo successivoProbabile danno doloso alla condotta Bresciana