Danza e mare: conclusa la prima edizione del Carillon Summer Camp ad Alcamo Marina

1318

Si è da poco conclusa la prima edizione del Carillon Summer Camp; un campus estivo interamente dedicato alla danza in tutte le sue forme, dalla danza classica all’Hip Hop.

L’idea nasce dal bisogno di coniugare la passione per la danza e il contatto con la natura. Per questa ragione la scelta della location è stata semplice: il mare! L’edizione di quest’anno del campus, infatti, è stata ospitata dallo stabilimento balneare Bluwater Beach Club. La direzione artistica è stata curata dall’insegnante di danza Floriana Renda, direttrice della scuola “Carillon teatro e danza” di Alcamo.

Non ci siamo risparmiati – commenta l’insegnante – e i nostri allievi hanno avuto la possibilità di studiare con tanti maestri, sia interni alla scuola che professionisti provenienti da tutta la Sicilia“.

I bambini dopo 3 mesi di lockdown hanno potuto ricominciare ad allenarsi all’aperto e in completa sicurezza. Un’iniziativa apprezzata anche dai genitori che hanno potuto assistere alle lezioni dei propri figli e che a loro volta hanno potuto dedicare del tempo a loro stessi seguendo le lezioni di Pilates.

Un’esperienza – prosegue Floriana Renda – che sicuramente resterà nei cuore dei nostri allievi e che certamente abbiamo intenzione di riproporre nei prossimi anni“.

Adesso si pensa già al nuovo anno accademico, ricco di tante iniziative e novità a cominciare dalla presenza di numerosi professionisti che arricchiranno il palinsesto della scuola di danza, e alla programmazione di stage, eventi e spettacoli.

Infatti è già possibile mettersi in contatto con la segreteria della scuola di danza per prendere parte alle lezioni prova di tutte le discipline.

Informazione pubblicitaria

Per maggiori info:

https://www.facebook.com/scuolacarillon/

https://www.instagram.com/scuolacarillon/

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarini, sequestrati oltre mille prodotti pericolosi. VIDEO
Articolo successivoElena di Euripide al teatro antico di Segesta tra contraddizione e mito