“Che aspettano le amministrazioni di Erice e Trapani ad emettere ordinanze anti assembramento e anti falò?”

703

Diverse amministrazioni comunali hanno già adottato ordinanze contingibili ed urgenti anti falò e divieti di utilizzo delle spiagge del località balneari per le notti di Ferragosto per tutta questa settimana di Ferragosto.
L’Avv. Vincenzo Maltese, presidente dell’ Osservatorio per la Legalità e componente dell’Assemblea nazionale associazione Codici, invita le amministrazioni comunali di Trapani ed Erice a fare altrettanto rispettivamente per le spiagge di Marausa e del lungomare Dante Alighieri.  “L’inciviltà si misurava la mattina seguente sulle spiagge con tutto quello che si trovava sparso sulla sabbia,  spiega Vincenzo Maltese. Ma se negli anni passati tali Ordinanze erano adottate unicamente per motivi di ordine pubblico e sicurezza oltre che a tutela dell’ambiente, quest’anno, si aggiunge anche l’obiettivo di evitare assembramenti, come prevedono le norme per evitare la diffusione del contagio da Coronavirus.
Non avrebbe senso infatti adottare provvedimenti restrittivi anti covid solo nei centri della cosiddetta “Movida” del Centro Storico se poi i giovani si riversano sulle nostre spiagge con le tende da campeggio e la cassette di birra. Peraltro già la notte di S.Lorenzo ha già fatto registrare decide di giovani riversati proprio sui nostri litorali”.
“Si chiede pertanto l’adozione urgente di idonei ed opportuni provvedimenti anti assembramento ed a tutela dell’ambiente oltre che della salute pubblica”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo Marina: mancano gli accessi al mare per i disabili VIDEO
Articolo successivoCoronavirus: nuova ordinanza di Musumeci, obbligo mascherina e tamponi a chi arriva da Malta, Grecia e Spagna