Premiato il regista alcamese Giovanni Calvaruso

2588

E’ stato premiato al 22° Festival Internazionale Inventa un Film di Lenola (Latina) il film VITE DA SPRECARE. Siamo in Sicilia nel 1976 e al centro della cronaca c’è quella che è passata alla Storia come la “strage di Alcamo Marina”, in cui furono barbaramente assassinati nel sonno due giovani carabinieri, l’appuntato Salvatore Falcetta di 35 anni e il carabiniere semplice Carmine Apuzzo, diciannovenne. Vite da sprecare però è anche e soprattutto la storia di altri cinque uomini, alcuni all’epoca minorenni, ingiustamente accusati e costretti a confessare un crimine che non avevano commesso e per il quale sono stati condannati a svariati anni di prigionia. Il film è la storia di una strage senza colpevoli, ancora oggi avvolta nelle nebbie di uno dei tanti misteri dello Stato Italiano e delle sue oscure trame.

Vite da sprecare si è aggiudicato ben tre premi:

Miglior Regia (Giovanni Calvaruso);

Miglior Colonna sonora (Lello Analfino dei Tinturia);

Miglior Fotografia (Duccio Cimatti).

Congratulazioni da più parti e tra queste quella dell’Amministrazione Surdi, lo stesso Sindaco in un comunicato dichiara: “siamo orgogliosi e contenti che il nostro concittadino, Giovanni Calvaruso, sia stato premiato, ancora una volta, per la sua bravura e professionalità nel mondo del cinema, dove poter emergere ed essere riconosciuti non è affatto semplice. Vite da Sprecare, il secondo lungometraggio di Calvaruso, il primo lungometraggio era stato “31 gradi kelvin, anch’esso pluripremiato, ci auguriamo esca entra la fine dell’estate nelle sale italiane; la pellicola non racconta “solo” la strage della casermetta di Alcamo Marina ma restituisce alla collettività un frammento della nostra storia che non deve essere dimenticato”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEvade dai domiciliari. Arrestato dai Carabinieri
Articolo successivoOrdinanza del Sindaco su spiagge, movida e viabilità