Carcere “Malaspina”, detenuto ferisce Comandante di Reparto

613

”…mentre chi non conosce il carcere blatera inutilmente scatenando ipotesi di indole violente nella Polizia Penitenziaria, un detenuto ferisce l’Ispettore Capo G.M.S Comandante di Reparto, che si era frapposto eroicamente nel tentativo di difendere un collega dalle ire violente di energumeno che voleva per forza violare le regole intramurarie…”

Queste sono le parole di Gioacchino Veneziano Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria della Sicilia dopo il grave atto compiuto nella tarda mattina di oggi da un detenuto richiuso al carcere minorile di Palermo, solo perché voleva per forza recarsi presso l’Ufficio Matricola non rispettando le direttive previste per quanto riguarda l’acceso negli uffici, generando per questa banalità il caos, causando il ferimento dell’Ispettore Capo di Polizia Penitenziaria G.M.S che in quel momento era al Comando del Reparto.

“….esprimiamo – continua il leader del sindacato di categoria della UIL-”…solidarietà all’Ispettore Capo Comandante di Reparto e sarebbe ora che l’Amministrazione della Giustizia Minorile la smettesse di annacquare il sistema di penalità previsto in questi casi, e mettesse in campo tutte le iniziative idonee affinché i detenuti vengano trasferiti immediatamente in strutture all’uopo da individuare, considerato che chi ha posto in essere questo tipo azioni di violenza contro il personale di Polizia, ha dimostrato di fatto di non essere interessato alle regole di recupero e al reinserimento nella società, quindi merita un percorso trattamentale diverso …”

Per tale valido motivo…- chiosa Gioacchino Veneziano -…”…per evitare ulteriori condotte contro il personale di Polizia Penitenziaria, nonché all’ordine e la sicurezza della struttura è necessario che il Direttore del Centro Giustizia Minorile unitamente al Direttore dell’Istituto Penale per Minorenni di Palermo, mettano in campo la giusta fermezza ed autorevolezza spostando senza indugio il detenuto che ha ferito il Comandante, ed inoltre è fondamentale che la stessa Amministrazione si costituisca parte civile contro il detenuto che si è macchiata di tale gesto contro l’Istituzione Penitenziaria Minorile.

” – auguriamo una pronta e veloce guarigione – conclude il rappresentate regionale della UILPA Polizia Penitenziaria-….”… al valoroso Comandante che per evitare danni al proprio personale si è contrapposto alla violenza del detenuto…

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl ricordo per Rocco Chinnici
Articolo successivoIncendio a monte Cofano