Video conferenza sulla prevenzione incendi riguardante la Riserva naturale Orientata Monte Bonifato

334

Una video conferenza riguardante l’attività di prevenzione incendi riguardante la Riserva naturale Orientata Monte Bonifato.

Alla video conferenza hanno preso parte gli Enti preposti ed invitati dal Sindaco di Alcamo: per il Libero Consorzio Comunale di Trapani il dott. Fiorentino, per l’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Trapani il dott. Cardile, per il Dirigente del Servizio Provinciale Dipartimento Regionale Servizio Rurale e Territorio il dott. Giarrizzo, per il comando di Polizia Municipale di Alcamo il dott. Fazio, per l’Ufficio di Protezione Civile, Salvatore Campanella, per la Prefettura di Trapani la dott.ssa Marina Trafficante.

Dichiara il Sindaco Domenico Surdi: “la prevenzione ed il controllo della nostra riserva sono già da mesi all’ordine del giorno della nostra attività e di tutti gli altri Enti ed autorità competenti sotto la direzione della Prefettura che ringrazio per l’immediato intervento e l’attività di coordinamento che sta svolgendo”.

È emerso che ad oggi i controlli relativi alla pulizia dei terreni hanno dato buon esito: su 150 particelle controllate solo alcune non erano in regola e i proprietari sono stati sanzionati; si è riscontrata buona collaborazione da parte dei proprietari dei terreni privati.

La pulizia delle linee parafuoco è stata effettuata ed è in corso di completamento: appena ultimata si farà la parziale pulitura delle stradelle e dei sentieri.

Ancora il Sindaco: “abbiamo potenziato i controlli e l’attività di monitoraggio con il nostro Corpo di Polizia Municipale e le associazioni di protezione civile del territorio, soprattutto nelle giornate maggiormente a rischio”.

Ancora durante la videoconferenza il Sindaco ha chiesto all’ente gestore una maggiore pulizia dell’area picnic che, in questo periodo, potrebbe essere utilizzata dai cittadini.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione antidroga, tre arresti
Articolo successivoSequestro beni ai fratelli Valenti, agli arresti domiciliari per associazione mafiosa