Impianti sportivi. Raccolta firme di DB per chiedere le dimissioni di Abbruscato, che risponde.

396

Diventerà Bellissima Trapani in un comunicato aveva sottolineato che “dall’insediamento ad oggi son passati due anni e l’attuale amministrazione non ha risolto il problema delle strutture sportive vandalizzate e chiuse da anni. Nell’ordine: la palestra di via Tenente Alberti, la Cappuccini, la palestra Dante Alighieri, il Campo Aula restano inutilizzabili. Parzialmente fruibile il campo ex Coni e il Palaconad che però necessita di importanti adeguamenti. Avevamo dichiarato “improponibili” le condizioni poste con i bandi per l’assegnazione del Campo Aula e del Palaconad, spiegano gli iscritti a Diventerà Bellissima Trapani, e abbiamo avuto ragione perché sono andati deserti, nessuna istanza presentata. Ora apprendiamo dalle parole dell’attuale assessore allo sport Enzo Abbruscato che si pensa di riproporre il medesimo bando ma con più anni per l’affidamento. Non è pensabile una cosa del genere perché le società sportive non hanno dotazioni finanziarie e a fatica riescono a fare attività giovanile!”. Premettendo tutto ciò a fine comunicato si dava notizia di una raccolta firme “per chiedere le dimissioni dell’Assessore Abbruscato. Il Sindaco Tranchida pensi ad un assessore che provenga dal mondo dello sport”.

Non si è fatta attendere la risposta dell’Assessore Abbruscato, che inoltre a fine documento afferma: “In ultimo mi sia consentito di ribadire che un azione di recupero di queste proporzioni va giudicata in un arco di tempo normale che non preveda la bacchetta magica di cui forse era dotato il titolato rappresentante di DB Vincenzo Maltese, allorquando si propose per un incarico assessoriale nella nostra giunta”.

Ma vediamo il resto del comunicato: “Questa Amministrazione fin dal giorno dell’insediamento aveva coscienza che lo stato degli impianti sportivi, e non solo, in Città era all’anno zero, a dir poco una situazione disperata.

In particolare il sottoscritto ha accettato la sfida e l’impegno in questo particolare settore cosciente che risalire la china e dare risposte concrete sarebbe stato difficile ma al tempo stesso stimolante quanto necessario.
Frutto di anni di mancata manutenzione, di occasioni mancate e di “liti” anche tra i dirigenti dell’epoca senza il controllo della politica, che hanno portato all’abbandono degli impianti e conseguenti atti vandalici nella stragrande maggioranza dei casi.
Abbiamo fatto una programmazione che partisse necessariamente dalle palestre scolastiche, adesso tutte attive per la duplice funzione: orari antimeridiani agli alunni e orari post didattici alle associazioni e/o società che ne fanno richiesta.
Abbiamo restituito i locali del campo CONI e affidato i lavori per il totale recupero del sito e della gradinata, da anni transennata.
Abbiamo stanziato e appaltato lavori indispensabili per 550.000 euro per il Palaconad, abbiamo stanziato 400.000 euro circa per il recupero della Dante Alighieri.
La nostra Giunta ha dato incarichi e fatto eseguire tutte le verifiche di vulnerabilità sismica sugli impianti, atto necessario e propedeutico per qualsivoglia intervento di recupero impiantistico.
Successivamente abbiamo dato incarico a professionisti per il recupero degli impianti di viale Umbria e di piazza Sen. Grammatico al rione Cappuccinelli e di diversi siti lasciati per anni al degrado, quali:
  • il Bonacerame in Agenda Urban per 400.000 euro per lavori necessari alla fruizione polivalente dell’impianto;
  • la palestra De Rosa rione Cappuccinelli inserita in un progetto di riqualificazione social housing oltre il riavvio e prossima consegna del Pattinodromo, di cui si rischiava il finanziamento per circa 1.400.000 euro.
Per quanto concerne il Campo Aula abbiamo disposto l’affidamento a terzi, con manifestazione d’interesse, commutando il canone di locazione in lavori per la copertura in erba sintetica dello storico impianto, così come prevedono e consentono le norme, molto più restrittive di qualche tempo fa.
Adesso riproporremo una durata più ampia per permettere un ammortamento più agevole al gestore terzo.
Per il Palaconad abbiamo disposto l’affidamento a terzi prevedendo altresì lo scomputo del canone di locazione per interventi migliorativi e manutentivi, fermo restando l’uso per attività agonistica alla nostra squadra di basket.
Abbiamo partecipato a diversi bandi, tra cui anche Sport e Periferie, per sopperire alle esigue risorse finanziarie e siamo fiduciosi per le prossime scadenze.
Ciò premesso non sottaccio che la situazione al momento non sia ancora accettabile, consapevole che per distruggere basta poco mentre ri-costruire è molto più articolato, sempre nel rispetto delle regole e della trasparenza”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBirgi. Web conference sindacati – Airgest “Incontro proficuo. Buone prospettive per rilancio dello scalo”
Articolo successivoMarsala, interventi alla Torre del Carmine, ripulita la cupola fatta di antiche maioliche