La Coordinatrice Provinciale di Diventerà Bellissima interviene sul caso Erice

436

“Incombono aspetti inquietanti ad Erice. E’ tutto da azzerare!
Noi di DB vogliamo, e siamo pronti per il risanamento e la rinascita!”

Così Diventerà Bellissima Trapani in un comunicato che pubblichiamo:

Ad Erice amministrativamente è tutto da azzerare! Dopo l’indagine partita dalla Procura di Trapani e svolta dalla Squadra Mobile, che ha fatto luce su molti aspetti inquietanti della criminalità a Trapani e ad Erice in particolare, ora sull’amministrazione del sindaco della vetta Daniela Toscano pesano, come una insopportabile cappa, gravi responsabilità a causa di scorretti accordi elettorali, di voti scaturiti da una non limpida volontà, e finanche di minacce.
Noi di Diventerà Bellissima, che lavoriamo ad Erice come a Trapani e in tutte le città della Provincia nel segno della correttezza e della legalità (lo dico convinta, quale coordinatrice provinciale. Nel segno del mio operato nonché dell’impegno di tutti gli appartenenti al nostro Movimento) desideriamo dare un immediato energico contributo al risanamento e alla rinascita di quel territorio. Esiste, sulla vetta, una “questione morale” che ha origini sin dal tempo delle elezioni. E’ stato portato a conoscenza dalle indagini operate dalle Forze dell’ordine. Un gruppo ha interferito nella vita democratica dei partiti, ha condizionato il voto. E di più, è intervenuto, condizionando la vita istituzionale anche dopo le elezioni.
Nel rispetto del cittadino che ogni giorno si sacrifica col suo lavoro, e legittimamente pretende di essere ben amministrato, chiediamo con forza al Sindaco di avere il buon senso di dimettersi.
Come tutte le comunità, anche quella ericina merita amministratori corretti e capaci. Noi di Diventerà Bellissima VOGLIAMO che ERICE già molto importante e bella che possa divenire Bellissima; e per questo oggi, ancor più di prima, ci sentiamo molto impegnati a favorire un progetto alternativo all’attuale amministrazione. Un progetto che cominci da ZERO, per far ripartire il territorio con una nuova classe di amministratori e consiglieri. Per favorire un vero cambiamento che deve essere innanzitutto culturale …e deve sanificare le istituzioni, con gente seria e preparata .
Ha ragione l’avv. Vincenzo Maltese, Presidente del circolo Trapani – Erice e membro dell’ Assemblea Generale di DB, a sostenere: ”Noi di DB viviamo del nostro lavoro, e la politica per noi è solo spirito di servizio . Nel merito delle vicende emerse e considerato l’operato del Sindaco, per noi Erice va amministrata diversamente. Già proiettati verso il futuro, sono per noi gli obiettivi che si devono realizzare. Punti programmatici che presenteremo nella campagna elettorale per le prossime amministrative. Solo alcuni esempi: La manutenzione agli impianti idrici e fognari, che in diverse parti della città sono in abbandono ovvero insesistenti; la pista ciclabile che è ormai distrutta; il potenziamento dei servizi di spazzamento e conferimento indiscriminato di rifiuti attualmente molto carente; gli impianti di luce che esigono adeguata manutenzione, nonché di essere monitorati e messi in sicurezza; l’allaccio idrico che manca in diverse abitazioni e il centro storico che è, da tempo, desolato, senza più quella pur minima vivacità e presenza che possa permettere alle attività di sopravvivere”.
Erice, insomma, è da sanificare, da accudire, da potenziare nei servizi, da ravvivare subito, se non si vuole che una vera perla della nostra provincia possa sprofondare nella crisi più grave, Noi di Diventerà Bellissima ci siamo. E vogliamo la più immediata e forte ripresa”. Sì! A nome di tutte le realtà di Diventerà Bellissima in provincia di Trapani credo sia necessario che ad Erice si cominci con l’azzerare amministrativamente tutto! E che si riparta con gente che senta la politica con spirito di servizio.

Coordinatrice Provinciale di D.B.
Avv. Giulia Ferro”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus la situazione a Trapani e provincia
Articolo successivoSalemi, a maggio raccolta differenziata al 77,4%