Aria di libertà, uno spazio verde come luogo di gioco inclusivo

516

Mercoledì 17 GIUGNO alle ore 11:30 presso la villetta CHIOSCO DON BOSCO DI ALCAMO ci sarà la presentazione del progetto ARIA DI LIBERTÀ, a cura della Consulta per le Pari Opportunità e Uguaglianza di Genere e dell’assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Alcamo.
Il progetto riguarda l’individuazione, in questo periodo emergenziale da coronavirus, di un’area comunale da destinare a luogo di gioco inclusivo, movimento e socializzazione per bambini e ragazzi diversamente abili e non. Nello specifico lo spazio verde è la “villetta Don Bosco” in via Segretario Carollo.
Nell’attuale fase emergenziale, la “villetta Don Bosco” sarà a disposizione esclusivamente nelle giornate previste di mercoledì e domenica dalle 10 alle 13 dei soggetti più fragili, che potranno frequentarla accompagnati da un genitore e/o da un operatore dell’Associazione di appartenenza. Il tempo quotidiano di permanenza del minore nella “villetta Don Bosco” sarà determinato dalle richieste di fruizione del servizio, il calendario sarà comunicato ai genitori e alle Associazioni di competenza, unitamente al numero di presenze che potranno essere consentite nel rispetto delle normative di legge.
Obiettivo del progetto, proposto ed ideato dalla Consulta per le Pari Opportunità in collaborazione con il Comune e la Croce Rossa Italiana Comitato di Alcamo, è la salute psicofisica dei bambini e dei giovani diversamente abili attraverso lo svolgimento di attività motorie, ludiche e relazionali all’aria aperta, coinvolgendo genitori, operatori delle Associazioni di competenza, il Comune, i Club Service o privati che vorranno condividere gli obiettivi del progetto attraverso l’offerta di giochi e/o materiali.
Un contributo rilevante al progetto è del sig. Giuseppe Lombardo responsabile della “Villetta Chiosco Don Bosco” che offrirà un supporto per il controllo del corretto svolgimento delle modalità di fruizione dello spazio da parte degli utenti; ed ancora si evidenzia la collaborazione con la Croce Rossa che metterà costantemente a disposizione, per tutta la durata del progetto fino alla fine del periodo emergenziale, un volontario per la sicurezza e la gestione del primo soccorso.
Dichiara l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Alcamo Stefano Alessandra “Abbiamo accolto l’iniziativa progettuale “Aria di Liberta’”, curata dalla Consulta per le Pari Opportunità, che rappresenta una risposta alle esigenze espresse dalle famiglie del territorio che così potranno fruire, per due giorni a settimana, il mercoledì e la domenica, di un parco inclusivo e sicuro per i propri figli diversamente abili che, indubbiamente, durante il periodo di quarantena avranno avuto disagi ancora maggiori. Adesso finalmente bambini e ragazzi potranno godere di un’area verde sanificata e a loro completa disposizione, nel rispetto delle regole previste”.
Affermano la presidente della Consulta Anna Alcamo e la vice presidente Silvana Giacona “prosegue l’attività della Consulta con tematiche sempre socialmente importanti, siamo state sensibili anche a questa richiesta riguardante i bambini fragili e delicati in questo periodo particolare segnato dal coronavirus”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEmma Dante non partecipa al suo saggio: “Bisogna prendere una posizione”
Articolo successivoOperazione “Cutrara”, Castellammare 2.0: “Siamo fiduciosi che il Sindaco chiarirà”