Fratelli d’Italia parteciperà alla mobilitazione promossa dal Presidente Salvatore Ombra

664
La vicenda dell’abbandono di Alitalia delle rotte su Birgi hanno messo in moto un “movimento” trasversale di condanna dell’accaduto e la richiesta di una revoca del passo indietro fatto dalla compagnia aerea. Tra i partiti che hanno espresso la loro preoccupazione e lo stupore in certi casi, si segnala anche la presa di posizione di Fratelli d’Italia Trapani, che in un comunicato afferma:
“A pochi giorni dalla riapertura dell’aeroporto civile di Trapani Birgi, la società Alitalia comunica l’abbandono dello scalo dal mese di luglio.
Incredibile, biglietti già venduti per la stagione estiva e soprattutto l’unico collegamento della provincia di Trapani con Roma e Milano.
Ancora molti passeggeri aspettano il rimborso dei biglietti dei mesi di Aprile e Maggio, ora tutte le prenotazioni pagate da luglio?
Il comportamento di Alitalia sembra essere quello di una piccola compagnia aerea, quelle che nascono e finiscono in pochi mesi, invece Alitalia è la compagnia di bandiera ed ha ricevuto dal governo italiano 3,5 miliardi di euro per l’emergenza ed il rilancio economico .
La motivazione è che volare da Trapani non è remunerativo determinando una perdita economica.
Intanto Alitalia è vincitrice del bando della legge regionale 24/2016 che assicura alla compagnia 1.600.000,00 euro di contributi per volare le tratte Trapani/Roma e Trapani Milano.
Assurdo – ribadiscono Francesco Perri e Maurizio Miceli, responsabile trasporti e portavoce provinciale di Fratelli d’Italia Trapani – che Alitalia dopo aver ricevuto dal governo nazionale 3,5 miliardi di euro, che prevedono una sostanziale statalizzazione della compagnia di bandiera parli di utili e di guadagni!
La continuità territoriale dalla Sicilia, dalla provincia di Trapani è un diritto dei cittadini e deve essere garantito dallo stato, infatti le tratte erano incentivate dalla legge regionale che si apprestava a pubblicare l’apposito bando di gara.
Ora il governo italiano deve verificare le decisioni dei vertici operativi di Alitalia di abbandonare Trapani Birgi e opporvisi in tutti i modi possibili facendo valere le ragioni del popolo e dell’utilità sociale a quelle lucrative incompatibili che non le ricche sovvenzioni erogate.
Se ora la compagnia è statalizzata, deve rispondere del suo operato al governo, non può prendere i miliardi di contributi e scappare via in nome del profitto economico!
Non stiamo chiedendo di attivare nuove rotte Alitalia dalla provincia di Trapani, ma chiediamo il rispetto degli accordi,
il mantenimento dei voli previsti almeno fino alla sostituzione con una compagnia aerea alternativa.
Tutto questo disagio di mobilità è aggravato dalla situazione di emergenza per il coronavirus, dalla crisi economica che ne è seguita, non è pensabile pagare 350,00 euro tra andata e ritorno per raggiungere la Sicilia da Roma e Milano o viceversa.
La situazione è critica e vergognosa, Fratelli d’Italia denuncia questa situazione e si farà carico di intervenire col Governo nazionale per fare chiarezza affinché si rimedi ad un’ingiustizia intollerabile.
 Invitiamo i deputati grillini e pentastellati a non rifugiarsi in interrogazioni parlamentari o equivalenti per lavarsi la coscienza, sono parte della maggioranza, i Ministri competenti sono loro espressione, si mobilitassero affinché si rimedi a ciò che non può essere irreparabile.
Fratelli d’Italia parteciperà alla mobilitazione promossa dal Presidente Salvatore Ombra, che ringraziamo per il lodevole operato, e difenderà le proprie infrastrutture strategiche in tutti i modi possibili, difendere il territorio, i suoi cittadini, le sue imprese, è per noi un imperativo categorico.”
Alitalia, Varchi (Fdi): Sicilia abbandonata da governo Conte Roma: “Appare beffarda la decisione di Alitalia di lasciare l’aeroporto di Birgi proprio in un momento in cui, dopo il prolungato lockdown, la speranza di ciascun imprenditore è quella di ripartire per lasciarsi alle spalle questo periodo. Agli aiuti praticamente inesistenti per le imprese si somma l’incapacità dei parlamentari di maggioranza siciliani – che pure vantano un viceministro al MIT – di incidere sul settore trasporti, fondamentale per superare i limiti dell’insularità, difendendo il territorio che generosamente li ha eletti. Il territorio trapanese negli ultimi anni ha registrato una riconversione significativa del tessuto imprenditoriale e commerciale verso il turismo. Le isole Egadi e altre località che negli anni hanno dimostrato grandi capacità ricettive, meritano un intervento deciso. Dopo la sceneggiata del Governo sul caro voli, su cui ho presentato emendamento al decreto rilancio, arriva l’ennesima beffa ai danni dei siciliani”. Lo dichiara Carolina Varchi, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile FDI per le Politiche per il Mezzogiorno.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSantangelo sostituisce Corrao come facilitatore nazionale del M5S
Articolo successivoBirgi, giovedì incontro con Provenzano