Coronavirus, restano solo 4 casi in provincia di Trapani: tutti asintomatici

992

TRAPANI. Il totale dei casi  attuali positivi è di 4, tutti asintomatici (il dato è al netto di decessi e guarigioni). Restano quindi: Castelvetrano 1; Calatafimi-Segesta 1; Marsala 1 e Mazara del Vallo 1.

Caso Castelvetrano: il paziente si trovava in Covid hotel San Paolo a Palermo – negativizzato, rientrato al domicilio;

Casi Castelvetrano/Marsala: si tratta di 2 casi importati, pazienti asintomatici di rientro rispettivamente dalle Marche e da Verona,  in quarantena dal 9 maggio (data dei rispettivi rientri) ripeteranno i test non prima di 7 giorni;

Caso Calatafimi Segesta: il paziente era ricoverato  a Villa Maria Eleonora dove ha contratto la malattia durante il ricovero, successivamente è stato trasferito in Covid hospital a  Partinico e infine trasferito al domicilio in attesa di completa negativizzazione;

Caso Mazara del Vallo: si tratta di soggetto totalmente asintomatico risultato positivo fuori provincia e posto in isolamento per quarantena nel proprio domicilio. L’Asp di Trapani ha attivato tutte le necessarie procedure di monitoraggio previste dal protocollo.

Pazienti in isolamento domiciliare obbligato 4; Totale tamponi effettuati 10.960; Test sierologici su personale sanitario 6.023; Ricoverati 0; Decessi 5; Guariti e dimessi 120. Continua l’attività di monitoraggio dei pazienti in quarantena attraverso i test per la diagnosi del covid-19.

I dimessi da Covid-hospital Marsala e Sant’Antonio Abate sono guariti e rientrati nei loro domicili privati.

La differenza con il dato riportato dalla Regione siciliana è data dal calcolo di soggetti indicati come residenti sul territorio trapanese, che hanno sviluppato la patologia in territorio extraprovinciale dove sono ancora domiciliati, e pertanto non caricabili sulla curva epidemiologica locale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, nessun nuovo contagio in Sicilia: 24 guariti e un decesso
Articolo successivoSurdi invia una nota al Prefetto di Trapani per trattare la questione Monte Bonifato