Coronavirus, situazione stabile in provincia di Trapani

818

TRAPANI. Il totale dei casi attuali positivi è di 5, così come riferito ieri dal bollettino giornaliero dell’ASP di Trapani e sono così distribuiti: Castelvetrano 2, Calatafimi-Segesta 1, Marsala 1 e Mazara del Vallo 1.

Caso Castelvetrano: il paziente si trova in Covid hotel San Paolo a Palermo;

Casi Castelvetrano/ Marsala: si tratta di 2 casi importati, pazienti asintomatici di rientro rispettivamente da Verona e dalle Marche, in quarantena dal 9 maggio (data dei rispettivi rientri)  –  ripeteranno i test non prima di 7 giorni;

Caso Calatafimi Segesta: il paziente era ricoverato  a Villa Maria Eleonora dove ha contratto la malattia durante il ricovero, successivamente è stato trasferito in Covid hospital a  Partinico e infine trasferito al domicilio in attesa di completa negativizzazione;

Caso Mazara del Vallo: si tratta di soggetto totalmente asintomatico risultato positivo fuori provincia e posto in isolamento per quarantena nel proprio domicilio. L’Asp di Trapani ha attivato tutte le necessarie procedure di monitoraggio previste dal protocollo.

Pazienti in isolamento domiciliare obbligato 4, Totale tamponi effettuati 9.515, Test sierologici su personale sanitario 5.482. Ricoverati 0, totale dei decessi 5. Guariti e dimessi 119.

Continua l’attività di monitoraggio dei pazienti in quarantena attraverso i test per la diagnosi del covid-19. I dimessi da Covid-hospital Marsala e Sant’Antonio Abate sono guariti e rientrati nei loro domicili privati.

La differenza con il dato riportato dalla Regione siciliana è data dal calcolo di soggetti indicati come residenti sul territorio trapanese, che hanno sviluppato la patologia in territorio extraprovinciale dove sono ancora domiciliati, e pertanto non caricabili sulla curva epidemiologica locale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, il gruppo della Lega all’ARS presenta interrogazione sul viadotto “San Bartolomeo”
Articolo successivoIncendio Monte Bonifato, Libera: “Massima allerta sui beni comuni”