Lavori di manutenzione straordinaria viabilità interna esterna e rurale, interrogazione

526
immagine di repertorio

Alcuni consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle (Asta,  Barone, Puma,  Mirabella, Grillo, Cappero, Calamia, De Luca e  Russo), sono firmatari di un’interrogazione su  “Lavori di manutenzione straordinaria viabilità interna esterna e rurale” (Delibera di Giunta il 13/12/2018 col n. 390), in particolare in oggetto sono i lavori previsti nella via Ugo Foscolo, in via Madonna del Riposo e di arredo urbano.

I consiglieri nell’interrogazione scrivono:

“VISTA la documentazione allegata alla delibera di cui all’oggetto:
Relazione Tecnica
Documentazione fotografica
Elaborati grafici
Computo metrico
VISTE le informazioni acquisite durante la seduta della III Commissione Consiliare n. 13 del 05 marzo 2020, il cui verbale risulta approvato in data 22 maggio 2020;
VISTA la documentazione fotografica allegata alla presente da cui si evince lo stato di avanzamento dei lavori, in particolare relativamente alla Via Madonna del Riposo e alla Via Ugo Foscolo;
VISTA la mancata corrispondenza tra gli elaborati grafici e i manufatti ad oggi realizzati, come sopra documentati;
VISTO il grande pregio architettonico e artigianale delle basole di pietra presenti in Via Madonna del Riposo, realizzate da mastri scalpellini locali
C H I E D O N O
Alla SV di dare risposta in merito all’oggetto della presente interrogazione e in particolare:
 in merito ai lavori di Via Madonna del Riposo:
1) quali criteri progettuali hanno portato alla scelta di rimozione della esistente cunetta realizzata con basole in pietra e successiva sostituzione con conglomerato cementizio;
2) se le basole rimosse sono state riutilizzate;
3) quante sono le basole rimosse, in numero, e dove sono state allocate;
4) se esiste documentazione relativa a quantificazione e smaltimento delle basole rimosse;
5) perché nella progettazione dei lavori di cui sopra non si è dato il giusto e dovuto valore architettonico e artigianale, testimonianza storica dell’artigianato locale, delle basole in pietra;
6) con quale criterio le nuove piantumazioni sono state previste e concentrate per lo più lungo la Via Madonna del Riposo, tralasciando ad esempio la Via Ugo Foscolo le cui aiuole sono già presenti e idonee alla piantumazione;
 in merito ai lavori di Via Ugo Foscolo:
7) secondo quali criteri sono state ampliate le dimensioni dei marciapiedi realizzati, non corrispondendo le dimensioni stesse con gli elaborati grafici progettuali (in particolare le larghezze dei marciapiedi sono inferiori a quelle indicate in progetto);
8) quali criteri progettuali hanno portato alla variazione dell’altezza del marciapiede esistente, con conseguente variazione del piano di calpestio esistente fino quasi a raggiungere i livelli degli ingressi delle utenze;
9) secondo quali criteri sono stati fatti gli interventi di cui sopra, non essendo riportata sugli elaborati grafici progettuali alcuna quota derivante da rilievo tecnico;
10)se sono stati fatti rilievi tecnici della zona interessata;
11) se esiste una variante di progetto per le modifiche di cui ai punti sopra;
12) se sono state quantificate le economie ottenute dalla riduzione della larghezza dei marciapiedi; in caso affermativo, a cosa saranno destinate;
13) se sono state valutate le caratteristiche tecniche dei materiali utilizzati per il rifacimento di alcuni tratti del marciapiede, in particolare le parti realizzate in cemento, soggette a scivolamento dei pedoni; perché non si è scelto di ammattonare tutti i tratti interessati;
14) è stato verificato che la condizione di cui al punto 13 assicura un adeguato standard di sicurezza per gli utenti, così come citato nella premessa della relazione tecnica, di cui si riporta relativo estratto?
“L’intervento, finanziato con fondi del bilancio dell’ente, è inquadrato in un programma avente lo scopo di garantire un adeguato standard di sicurezza per gli utenti della strada e quindi offrire un miglior servizio alla collettività, limitare gli interventi di manutenzione futura e i danni da insidie.”
 in merito all’arredo urbano:
Perché non si sono trovate/cercate soluzioni più economiche ma comunque efficienti ed esteticamente gradevoli nella scelta dei vasi e delle panche.

Per le opere di cui sopra, sono stati previsti oneri e spese tecniche per la progettazione ?
Sono stati o saranno erogati premi o remunerazioni accessorie?
Qualora si avesse risposta esaustiva in merito alle domande poste, si chiede di avere copia della documentazione richiesta”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI boss progettavano anche la creazione di una lista civica per le amministrative. VIDEO
Articolo successivoMessa in sicurezza delle strade