Lega Sicilia: “Samonà è un nome che rassicura anche i più accaniti dubbiosi sulle intenzioni della Lega in Sicilia”

662

“Il Direttore Samonà è un nome che rassicura anche i più accaniti dubbiosi sulle intenzioni della Lega in Sicilia. Grande giornalista e uomo di cultura che abbiamo avuto modo di apprezzare nel suo impegno nella gestione culturale della Fondazione di Villa Piccolo e come capo di dipartimento cultura della Lega in Sicilia. Alberto Samonà si è contraddistinto per il suo impegno nella promozione del territorio e della cultura siciliana e il suo curriculum è già una garanzia per tutti i siciliani e per il nostro patrimonio storico e culturale. A lui, a nome di tutto il gruppo della deputazione regionale della Lega, va il nostro augurio di buon lavoro.”

Così i deputati regionali della Lega Sicilia per Salvini Premier, Antonio Catalfamo, Marianna Caronia e Orazio Ragusa
“La nomina di Alberto Samonà ad assessore regionale ai Beni culturali e della Identità siciliana riempie di orgoglio tutta la comunità della Lega di Palermo, che vede un suo esponente incaricato di un così grande onore nel rappresentarla all’interno della Regione siciliana. Per me, in particolare, è un piacere vedere un amico con cui abbiamo condiviso vita e percorsi politici trentennali ricevere un riconoscimento di tale prestigio. Ringrazio il segretario regionale Stefano Candiani e il segretario nazionale Matteo Salvini per la fiducia attribuita ad Alberto Samonà e, attraverso lui, a tutta la nostra comunità. Al neo assessore auguri di buon lavoro, saremo al suo fianco per le difficoltà che verranno perché sappiamo che chi vuole portare un reale cambiamento in Sicilia non troverà mai un percorso facile. Ma noi il diritto a farlo lo rivendichiamo”.

Così Antonio Triolo, commissario della Lega Salvini Premier a Palermo e provincia, sulla nomina di Alberto Samonà assessore regionale ai Beni culturali e della Identità siciliana.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza. Ecco cosa prevede. VIDEO
Articolo successivoFraginesi, quelle discariche abusive che indignano. VIDEO