Fraginesi, quelle discariche abusive che indignano. VIDEO

943

Dopo Contrada Conza/Ciauli siamo andati in Contrada Fraginesi. Anche qui il lavoro di bonifica è riuscito soltanto in parte. Gli incivili non hanno perso tempo, neanche in durante l’emergenza Covid. VIDEO

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Torniamo a parlare di discariche abusive nelle periferie della città. Gli incivili non si sono fermati neanche davanti al’emergenza sanitaria Covid-19. Ieri avevamo denunciato lo stato della discarica a cielo aperto per eccellenza: Contrada Conza/Ciauli. Uno scempio che si protrae da tanti anni, nonostante le continue proteste dei residenti e le bonifiche da parte del Comune. Ma come anticipato ieri, l’altra contrada da anni presa di mira dagli incivili, Fraginesi, si presenta oggi quasi tornata alla normalità. Quel quasi indica però una doppia faccia.  Se alcune zone un tempo invase dai rifiuti, come per esempio la zona Castellaccio, adesso si presentano libere dai rifiuti, non si può dire lo stesso altre, come la zona di Costa Larga. Qui, tutto è rimasto fermo. Il Covid non ha scoraggiato gli incivili e, tra ulivi e panorami ricchi di verde, le montagne di rifiuti di ogni genere non mancano.

La grande bruttezza

La Contrada Fraginesi, il fiore all’occhiello dell’espansione edilizia del territorio, dove sorgono (e continuano a sorgere) residence e villette che suscitano l’interesse di persone provenienti da ogni parte d’Italia, non riesce ancora a superare un suo problema atavico: la presenza di distese di spazzatura e rifiuti speciali ai bordi delle strade. La frazione, nel periodo estivo, non si popola soltanto di castellammaresi in villeggiatura, ma anche da cittadini e turisti provenienti da altre province della Sicilia e da altre regioni italiane. Poi c’è una presenza ormai perenne, presente dodici mesi l’anno: i rifiuti ai bordi delle strade. Ingombranti, fibre di amianto, copertoni di auto e camion, vernici, materiale sintetico, materassi, piastrelle, scarti di potatura, legno, mobili, bottiglie di plastica, scarti edili, scarpe, persino un seggiolone per bambini, di tutto e di più. Distese di spazzatura che deturpano un bellissimo panorama. Sono tanti i cittadini esasperati che proprio in questi giorni segnalano la presenza di queste discariche abusive.

A pochi chilometri di distanza la grande bellezza di Scopello, in Contrada Fraginesi, invece, mutuando un noto film di Paolo Sorrentino, la grande bruttezza.

Inutili le bonifiche decise dal Sindaco Nicola Rizzo nei mesi scorsi. Dopo poco, infatti, come riferito da alcuni residenti, tutto è tornato esattamente come prima. Gli incivili non si sono fermati neanche in questi giorni di emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

Anche qui, quindi, l’approvazione del regolamento sulle “foto trappole” contro gli incivili rappresenta una svolta mancata. Almeno per adesso.

Contrada Conza/Ciauli:

Castellammare, il Covid non ferma le discariche abusive. VIDEO

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLega Sicilia: “Samonà è un nome che rassicura anche i più accaniti dubbiosi sulle intenzioni della Lega in Sicilia”
Articolo successivoOrdinanza “prevenzione incendi e pulitura terreni anno 2020”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.