Torna in carcere D’Angelo

1934

Il presunto capo della cosca di Favignana era tra gli scarcerati dopo l’emergenza Covid 19

Per la seconda volta nel giro di poco tempo aveva riacquistato la libertà. Adesso Vito D’Angelo, il presunto capo della cosca mafiosa di Favignana, coinvolto nel blitz antimafia “Scrigno”, è tornato in carcere, arrestato ancora una volta dai Carabinieri del Reparto Operativo di Trapani. Una prima volta era finito ai domiciliari, ma poi la Procura distrettuale di Palermo aveva ordinato il suo arresto, dopo che i Carabinieri avevano denunciato che dai domiciliari D’Angelo teneva una serie di contatti. L’emergenza Covid nelle carceri lo aveva rivisto tornare libero, compreso in quell’elenco di detenuti che erano riusciti ad ottenere, in maniera scandalosa, la libertà. Nelle scorse ore per D’Angelo è stata ripristinata la detenzione, in attesa che si definisca il procedimento penale che lo riguarda, assieme ai fratelli Virga, Pietro e Francesco, conclamati mafiosi e figli dell’ergastolano Vincenzo, che sarebbero stati i suoi punti di riferimento dentro la famiglia mafiosa trapanese, specializzata in controllo degli appalti e compravendita di voti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione artemisia bis: i Carabinieri chiudono le indagini per 28 indagati
Articolo successivoPiattaforma istanze Cassa Integrazione in Deroga, interviene COBAS/CODIR
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.