Piattaforma istanze Cassa Integrazione in Deroga, interviene COBAS/CODIR

524

Con riferimento alle recenti vicende e polemiche che hanno interessato i ritardi nei pagamenti della cassa integrazione in deroga da parte di codesto Assessorato Regionale Lavoro, sono intervenuti i COBAS/CODIR, che in un comunicato sottolineano che apprendono “da fonti giornalistiche che la piattaforma informatica attualmente in uso ai dipendenti del Dipartimento Lavoro e degli uffici periferici, utilizzata nell’elaborazione delle istanze di cassa integrazione di cui in oggetto, sia stata affidata a una società esterna all’amministrazione regionale (denominata ETT)”.

Rivolgendosi all’Assessorato Regionale al Lavoro inoltre affermano: “Al riguardo, ai sensi della Legge che regolamenta l’accesso civico generalizzato agli atti della Pubblica amministrazione, al fine di comprendere le scelte rivolte alla cura dell’interesse pubblico, si chiede formalmente di conoscere dettagliatamente quali siano state le modalità dell’accordo contrattuale, le condizioni, la durata, la data di inizio e la data di fine del rapporto, gli importi relativi all’affidamento di tale fornitura, il soggetto responsabile del procedimento. Si chiede anche di conoscere come l’Amministrazione intenda determinarsi circa la presunta (dichiarata dagli organi di governo in conferenza stampa del 7 maggio 2020) mancata efficacia del sistema e se si intenda procedere chiedendo i danni ai fornitori per l’eventuale nocumento subìto dai cittadini, dai lavoratori e dall’Amministrazione”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTorna in carcere D’Angelo
Articolo successivoIncontro per l’Allmayer, revoca recesso e ipotesi acquisto dell’immobile