Trapani, in pensione il Decano del Comando Provinciale dei Carabinieri

509

TRAPANI. Pugliese di nascita, Antonio Di Terlizzi si arruola come Allievo Carabiniere nel 1973 e dopo il corso viene destinato in Sicilia, dove presta servizio per 4 anni tra Agrigento e Palermo. Dopo aver vinto il concorso da sottoufficiale, nel 1978 torna in Sicilia, questa volta a Trapani, dove ha prestato servizio fino a ieri, data del compimento dei 65 anni di età. Una carriera brillante quella di Antonio Di Terlizzi, che ha ricoperto diversi incarichi: dalla Sezione Radiomobile a Favignana, da San Vito lo Capo a Paceco fino alla posizione ricoperta dal 1995 a ieri: Comandante del Nucleo Comando della Compagnia Carabinieri di Trapani. Ben 47 anni trascorsi al servizio dell’Arma con immutato spirito di gioventù e amore per l’Istituzione che lo hanno contraddistinto fino alla meritata pensione.

Grazie alla sua abnegazione, nel corso degli anni è stato insignito di importanti riconoscimenti ed onorificenze, tra cui:

  • Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana;
  • Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare;
  • Medaglia d’argento al merito di lungo comando;
  • Medaglia d’oro al merito di lungo comando;
  • Croce d’argento per anzianità di servizio nell’Arma dei Carabinieri;
  • Croce d’oro per anzianità di servizio nell’Arma dei Carabinieri;
  • Croce d’oro con stelletta per anzianità di servizio nell’Arma dei Carabinieri.

Resterà nella memoria dei colleghi e dei superiori che lo hanno conosciuto e che hanno avuto la fortuna di lavorare accanto lui, il ricordo di un uomo che ha messo a disposizione di tutti grande esperienza professionale e preziose doti umane.

Con stima ed affetto, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Trapani augura al Luogotenente Antonio Di Terlizzi, una felice e serena pensione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, maltrattamenti in famiglia: arrestato dalla Polizia
Articolo successivoAnniversario Pio La Torre, Lupo: “La sua eredità politica e morale è patrimonio del Paese”