Castellammare, “Fratelli D’Italia” chiede la sospensione del regolamento “per le misure di contrasto all’evasione dei tributi locali”

873

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il circolo comunale di Fratelli d’Italia di Castellammare del Golfo, attraverso la presentazione di apposita mozione da parte del Consigliere Comunale Giovanni D’Aguanno, si è fatto promotore della richiesta all’Amministrazione comunale di sospensione temporanea dell’efficacia del “Regolamento disciplinante misure preventive per sostenere il contrasto dell’evasione dei tributi locali”, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 03.03.2020, laddove all’art. 3 dispone: “Ai soggetti che dovranno esercitare attività commerciali o produttive che si trovano in posizione di irregolarità tributaria con il Comune di Castellammare del Golfo e/o il Comune di residenza non è consentito il rilascio di licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi e neanche l’avvio di attività mediante SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività)”.

“Tale disposizione, – scrivono dal circolo di “Fratelli D’Italia” – adottata per la corretta finalità di contrasto all’evasione dei tributi locali, si inserisce in un momento in cui la pandemia da Covid-19 ha causato l’impossibilità per quasi tutte le attività commerciali di produrre reddito a causa dell’imposto periodo di chiusura che a tutt’oggi si protrae, creando gravi perdite economiche, con evidenti incertezze quanto alla possibilità di ripresa delle attività nella stagione estiva in relazione alle misure di distanziamento che verranno concretamente adottate dal Governo nelle cosiddette fasi 2 e 3. Per tali ragioni – afferma ancora il presidente del circolo Laura Ancona – appare necessario ancor prima che opportuno sospendersi temporaneamente l’efficacia del predetto regolamento, da differirsi a data futura tenuto conto delle condizioni economiche che si verranno a determinare nei prossimi mesi”.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEmergenza Coronavirus, il Comune di Petrosino pubblica il bando “Reddito Zero – Sicilia”
Articolo successivo30° anniversario del naufragio “Espresso Trapani”. Dedicata una via nel centro storico