Appello alla politica per l’Allmayer e “lezioni all’aperto, sit in, flash mob, potrebbero essere la nostra risposta civica”

12479

“Siamo molto amareggiati dall’assenza di risposte concrete da parte della politica per la soluzione positiva di un problema che si trascina da tre anni, anzi da 57 anni”. Inizia così un “documento” del Liceo Statale “Vito Fazio Allmayer, inviatoci ieri dal Dirigente Scolastico Vito Emilio Picciché. Un “documento” che arriva dopo il comunicato del Libero Consorzio di Trapani nel quale si ribadiva “il trasferimento del liceo “Allmayer” presso gli immobili siti in Castellammare del Golfo e Calatafimi“.

“Alcamo non può perdere una scuola superiore. Questa sera il Collegio dei Docenti ed il Consiglio di istituto – continua così il documento dell’Allmayer – hanno unanimamente deliberato il contenuto di una civilissima lettera appello, indirizzata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Prefetto, al Ministro dell’ Istruzione, al Presidente della Regione e agli Assessori Regionali interessati, ai deputati europei, nazionali e regionali, al Sindaco di Alcamo e ai sindacati regionali e provinciali, perché si impegnino a trovare una soluzione definitiva che garantisca il mantenimento di tutta la nostra scuola esclusivamente ad Alcamo”.
Continua: “Spiace constatare che tre anni sembrano trascorsi pressoché invano, ma confidiamo molto nella sensibilità di tutte le autorità coinvolte, affinché non parlino di responsabilità degli altri, ma lavorino insieme per garantire il diritto allo studio dei nostri ragazzi e che la nostra scuola continui a vivere e operare ad Alcamo”.
“Il Collegio ed il Consiglio hanno anche deliberato – conclude il “documento” – nel pieno rispetto della normativa emergenziale attuale, tutta una serie di manifestazioni, nel caso in cui le risposte auspicate tardassero ad arrivare: lezioni all’aperto, sit in, flash mob, potrebbero essere la nostra risposta civica”.

Una vicenda alla quale abbiamo dedicato tanti nostri articoli e servizi, per informare e anche per sensibilizzare chi di dovere a farsi carico di una conclusione non certo positiva per Alcamo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa tragedia “dimenticata”
Articolo successivoGiacenze di vino, contributi per la distillazione. Approvato ordine del giorno alla Camera