Distretto del Cibo “Born in Sicily Routes – Val di Mazara” già approvato dal Consiglio e proposta della Denominazione di Origine Comunale “Trapani Western Sicily” approvata dalla Giunta

481
“Il 23 e il 24 aprile u.s. – in piena pandemia CV 19, con lo sguardo rivolto alla fase 2 ed al rilancio e allo sviluppo socio-economico territoriale – rappresentano date importanti per le azioni di governo poste dall’Amministrazione del Sindaco Giacomo Tranchida unitamente al Consiglio Comunale Presieduto da Giuseppe Guaiana.
Nel corso del primo consiglio svoltosi nella modalità video conferenza è stato aggiunto un tassello importante al programma di Governo con l’esame ed approvazione dello Statuto del Distretto del Cibo “Born in Sicily Routes – Val di Mazara”.
L’Amministrazione comunale di Trapani – cogliendo fin da subito le grandi opportunità date dalla legge finanziaria del 2018 per il territorio trapanese – è stata fra gli ideatori e i promotori della fondazione del Distretto del cibo della Sicilia Occidentale. I Distretti saranno destinatari di opportunità, risorse per la crescita e costituiranno rilancio delle filiere e dei territori nel loro complesso anche attraverso i temi della sicurezza alimentare, la diminuzione dell’impatto ambientale delle produzioni e la riduzione dello spreco alimentare.
Ente capofila del Distretto Val di Mazara è la Camera di Commercio di Trapani – presieduta da Pino Pace – con il sostegno degli operatori dell’agroalimentare, il Gal, il FLAG, i Consorzi di Ricerca, le organizzazioni professionali agricole, i consorzi di tutela, gli enti locali ad oggi aderenti, in stretta connessione con la valorizzazione delle risorse turistiche collegate ai territori di produzione.
In Sicilia sono stati riconosciuti – oltre il Born in Sicily Routes – Val di Mazara – sette Distretti nel dicembre 2019 iscritti nel Registro Nazionale. Il Distretto Born in Sicily – Val di Mazara è in stretto collegamento con il distretto – Etna Val di Noto- con ente capofila la Camera di Commercio di Catania, il Distretto del cibo Sikania Bio – Mediterraneo e il Distretto dei Nebrodi – Valdemone.
Il Consiglio si è confrontato in aula con l’Assessore alle Politiche agricole Giuseppe Pellegrino e l’Assessora allo Sviluppo Economico Andreana Patti. E’ stato chiarito che l’adesione del Comune di Trapani al Distretto del cibo Val di Mazara non si pone in antitesi rispetto alla partecipazione all’ Associazione Bio-Distretto “Terre degli Elimi” le cui finalità sono più specificatamente rivolte al biologico. Il Distretto del Cibo – infatti – riconosciuto dalla legge potrà contenere sia iniziative riferite al tema del biologico sia  la partecipazione delle associazioni che vorranno farne parte.
L’Aula ha bocciato l’unico emendamento all’atto proposto dalla Consigliera Garuccio riguardante l’articolo 8 – Consiglio Direttivo. Lo Statuto era stato concordato tra i soggetti promotori (..che ovviamente ne sono i fondatori!) del distretto, elaborato dal Notaio Camilleri e rassegnato a tutti gli attori coinvolti.
Eventuali modifiche avrebbero messo in discussione tutto il percorso, rimandando sine die la sua istituzione e minando gli sforzi profusi atteso che malgrado il Coronavirus entro l’8 giugno vi è la possibilità di partecipare al Bando per i Distretti del Cibo del Ministero Politiche Agricole. Fra l’altro, è stato ribadito che eventuale figure specialistiche che si chiedeva col citato mediamente d’inserire nell’atto costitutivo sono perfettamente inseribili nel Comitato Tecnico Scientifico come previsto all’art. 15 dello Statuto.
Dopo un confronto complessivamente sereno, resta l’amarezza di non avere ottenuto, non tanto l’unanimità dei voti su questo importante progetto di sviluppo e valorizzazione del cibo / prodotti locali, ma la constatazione che evidentemente l’opposizione per partito preso preferisce non ancora sostenere la destinazione TrapaniWesternSicily come componente strategica per la valorizzazione turistica territoriale. Si rimanda invece al mittente l’arroganza e la supponenza della Consigliera Garuccio che ha voluto, come tenta maldestramente di fare spesso vantando titoli, dare lezioni di storia quale depositaria della verità. Ognuno di noi e’ figlio di una storia, peraltro nota, quella che verrà la scriveranno ancora una volta e democraticamente andhe i cittadini trapanesi.
La Giunta Tranchida, in coerenza con la visione strategica della valorizzazione turistica e socio-economica del cibo e delle produzioni locali e dunque della filiera enogastronomica territoriale a KM Zero, in armonia dell’istituendo Distretto del Cibo, nel ringraziare tutti i Consiglieri di maggioranza, ha oggi approvato la De.Co. “TrapaniWesternSicily”.
Nei giorni a seguire si terranno incontri con le organizzazioni di categoria e del comparto per meglio illustrare le azioni inerenti e conseguenti, prima tra le quali il disciplinare del “Pane Nostro”, rimandando al documento politico  ed alle azioni intraprese e/o anticipate nella concomitanza temporale dell’aumento del prezzo del pane di alcuni mesi fa.
Non dobbiamo superare solo la gravissima emergenza sanitaria del CV-19 ma dobbiamo decisamente puntare a tutte le azioni possibili per rimettere in campo una cura salutare anche per l’economia del nostro territorio”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus la situazione a Trapani e in provincia
Articolo successivoNon ritornare ad essere come prima, ma essere nuovi