Coronavirus, Nursind Trapani dona cento pulsometri a infermieri della provincia. Magistrati donano somma all’ASP

797

TRAPANI. Un altro gesto concreto del Nursind di Trapani in favore del personale infermieristico. La segreteria provinciale composta da Salvo Calamia, Francesco Frittitta e Maria Marchese ha distribuito a Marsala e Alcamo i primi pulsometri, cioè rilevatori di ossigeno e battito cardiaco fondamentali per riconoscere le crisi respiratorie che il virus nelle fasi più aggressive può produrre. A beneficiarne oltre cento lavoratori dei reparti Covid, Pronto soccorso e triage. Gli strumenti saranno diffusi in tutti i presidi Asp.

“Vogliamo dare un contributo concreto – dicono i vertici del Nursind – oltre a quello che la nostra categoria sta già dando sul campo, in trincea, dove ogni giorno gli operatori sanitari lavorano facendo i conti con la carenza di dispositivi di protezione e misure di sicurezza spesso non adeguate. In queste settimane ci siamo adoperati per rimediare o provare ad avviare la produzione di mascherine e comprare tute impermeabili e calzari, incontrando le difficoltà che tutti conoscono perché è davvero difficile trovarne. Siamo riusciti, però, nonostante tanti gli impedimenti di fornitura, a fare arrivare un strumento,  utilissimo per combattere il covid19, cioè i pulsometri. In una situazione di emergenza sanitaria  e soprattutto di  carenza di dispositivi di protezione individuale come questa, il Nursind Trapani  mette uno strumento concreto a disposizione degli operatori sanitari della provincia di Trapani. Tutti possiamo e dobbiamo fare certamente di più, e noi continueremo a batterci ogni giorno concretamente, senza facili proclami o semplici richieste”.

Anche i magistrati aderenti alla sottosezione di Trapani dell’anm (Associazione Nazionale Magistrati) hanno raccolto 5300 euro e li hanno devoluti all’Asp di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, volontari distribuiscono beni di prima necessità a migranti che vivono in un ex cementificio: “Nessuno deve rimanere indietro”
Articolo successivoLa Polizia Penitenziaria scrive al Presidente Musumeci