Alcamo Marina, delfino spiaggiato recuperato dalla Guardia Costiera

1201

L’animale era già stato avvistato nei giorni scorsi in difficoltà nello specchio di mare antistante la battigia della località alcamese. A causa delle condizioni meteo il delfino non è riuscito a riprendere il largo

ALCAMO MARINA. Nella mattinata di ieri il personale della capitaneria di porto di Trapani e di Castellammare del Golfo, d’intesa con l’istituo zooprofilattico sperimentale della Sicilia di Palermo, hanno effettuato il recupero dalla battigia di un esemplare spiaggiato e deceduto di delfino, presumibilmente della specie “stenella”, che e’ stato trasportato presso il predetto istituto, dove verrà sottoposto ad esami per accertare le cause del decesso.

Tale attività segue i numerosi interventi svolti il giorno 26 marzo, quando i militari dell’ufficio marittimo di Castellammare erano intervenuti, già dalle ore 11:30, in prossimità della battigia della località di Alcamo Marina dove era stata segnalata la presenza di un esemplare di delfino in difficoltà. Arrivati sul luogo della segnalazione infatti, i predetti militari avevano coadiuvato i diversi tentativi di salvataggio del predetto esemplare che, anche grazie alla collaborazione di privati cittadini nel frattempo intervenuti, doveva essere ricondotto a largo per consentirgli di riprendere il mare liberamente. Purtroppo, a causa delle avverse condizioni meteo imperversanti e dei bassi fondali non è potuto intervenire un mezzo navale e, nonostante tutti i tentativi condotti nel corso della giornata, l’esemplare è poi deceduto.

Successivamente, sono state attivate le procedure per il recupero e la rimozione, concluse il giorno 27 marzo. Sono tutt’ora in corso da parte dei militari della guardia costiera, in collaborazione con l’istituo zooprofilattico sperimentale della Sicilia di Palermo, tutti gli accertamenti tecnico-amministrativi ritenuti necessari per definire le cause della morte, in quanto sull’esemplare poi recuperato non sono stati rinvenuti segni di ferite o tagli dovuto all’impatto con imbarcazioni o attrezzi da pesca.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, arriva l’app per monitorare contagio
Articolo successivoCoronavirus, il Comune di Salemi chiede lo stato di calamità: “Servono interventi per imprese e fasce deboli”