Coronavirus, ricette dematerializzate anche in Sicilia

724

PALERMO. Ricette mediche online per contrastare ulteriormente la diffusione del contagio da Covid-19. È una delle misure adottate dall’assessorato regionale alla Salute per limitare il più possibile gli spostamenti nell’Isola. Anche in Sicilia, quindi, si potrà chiedere al medico il rilascio del promemoria digitale, ovvero il numero di ricetta elettronica, che sarà trasmesso attraverso un allegato al messaggio di posta elettronica certificata (pec) od ordinaria (peo). In alternativa, il numero potrà essere comunicato attraverso sms o altre applicazioni di messaggistica; oppure tramite comunicazione telefonica. Il medico prescrittore dovrà apporre sul promemoria la dizione “DPC” (distribuzione per conto) e non potrà prescrivere nella stessa ricetta farmaci in DPC e farmaci in convenzione.

Il farmacista acquisirà dall’assistito il numero di ricetta elettronica e il codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria, quindi procederà alla presa in carico della prescrizione sul Sistema Ts, cioè il software adoperato per visualizzare la prescrizione medica ed  eventualmente  alla stampa del promemoria.

Il farmacista così gestirà la prescrizione con le stesse modalità attualmente in uso per la ricetta rossa, fermo restando la successiva trasmissione al sistema TS ed  apporrà, ad erogazione avvenuta, sul promemoria le fustelle relative ai farmaci erogati, chiudendo la ricetta.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, l’aggiornamento in Sicilia: 1.168 positivi e 53 guariti
Articolo successivoPartanna, lettera di un artigiano: “Grande preoccupazione”