Mazara, non si ferma la rete di solidarietà per famiglie indigenti

488

La Diocesi scende in campo con la Caritas e le parrocchie

MAZARA DEL VALLO. Le parrocchie chiuse, il blocco delle attività pastorali (riunioni, catechesi, assemblee) e le mense fraterne inattive in questo momento, non hanno fermato l’impegno nelle attività di carità della Diocesi di Mazara del Vallo. Da Marsala a Castelvetrano, da Pantelleria a Campobello di Mazara, sono diverse le iniziative messe in campo per non far mancare alle famiglie bisognose e agli indigenti, vicinanza e calore umano anche e soprattutto in questo momento difficile che l’Italia – e il mondo intero – sta vivendo. L’impegno della Diocesi è tradotto attraverso le Caritas parrocchiali, la Caritas diocesana, la “Fondazione San Vito Onlus” e l’Opera di religione “Monsignor Gioacchino Di Leo”, che ogni giorno assicurano, soprattutto, beni alimentari di prima necessità. «All’impegno di dipendenti e volontari non è mancata la risposta solidale delle persone di buona volontà», ha detto il Vescovo, monsignor Domenico Mogavero. A Marsala, ad esempio, un cittadino ha donato 265 euro da destinare all’acquisto di buoni spesa per famiglie in difficoltà. Il panificio “Mannone”, sempre a Marsala, invece, partecipa all’impegno per la solidarietà, donando ogni sera tutti i prodotti invenduti, che vengono distribuito nell’ambito del progetto “Condividiamo”, sostenuto coi fondi 8×1000. Il panificio Koncz Mihaela di Marsala dona ogni giorno 2 chili e mezzo di pane per donarlo a qualche famiglia bisognosa. E poi altre donazioni: «Una signora 80enne, per il suo compleanno, ha voluto donare 100 euro per acquistare buoni spesa – racconta don Francesco Fiorino, responsabile dell’Opera di religione “Monsignor Gioacchino Di Leo” – un altro bonifico di 100 euro è arrivato da una coppia di pensionati; una giovane mamma ha donato 20 euro, una farmacia, invece, ha donato latte e omogeneizzati. Ma sono anche arrivati 25 kg di arance, olio extra vergine d’oliva». Iniziative di carità si svolgono anche in altre zone della Diocesi. A Pantelleria, attualmente, il servizio della Caritas viene assicurato dai sacerdoti sull’isola. Nella parrocchia Sacro Cuore in Santa Maria di Gesù di Mazara del Vallo il normale servizio di distribuzione di beni di prima necessità è garantito ogni primo giovedì del mese. La Caritas parrocchiale ha attivato anche un servizio su chiamata telefonica che assicura assistenza straordinaria alle famiglie anche con servizio a domicilio (i numeri da chiamare sono: 3472115662, 3420021310, 3402782919). La distribuzione dei beni di prima necessità viene anche assicurato nelle parrocchie marsalesi San Francesco da Paola, Maria Ss. Ausiliatrice, Maria Ss. Madre della Chiesa e presso l’Unità pastorale di Campobello di Mazara, con consegna del pacco spesa a domicilio, ogni 15 giorni. Stamattina, intanto, presso la Fondazione “San Vito Onlus” è avvenuta la distribuzione dei sacchetti con i beni alimentari di prima necessità. La stessa cosa era avvenuta la scorsa settimana presso il cortile interno dei locali che ospitano la mensa fraterna “Giorgio La Pira” a Marsala. Nella città lilibetana, intanto, un signore marsalese ha espresso la volontà di donare alla Diocesi un appartamento da destinare a casa fraterna d’accoglienza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSiciliano bloccato in Spagna: “C’è ancora chi continua a sottovalutare il virus. Resto qui per senso di responsabilità”
Articolo successivoCordoglio dei deputati M5S all’Ars per la scomparsa del presidente Rizzuto