Trapani, “Diventerà Bellissima” interviene a tutela dei pasticceri

464

TRAPANI. Le ultime ordinanze e decreti in vigore adottati dal Governo nazionale e regionale, hanno previsto la chiusura di diverse attività commerciali e artigianali tra cui quella dei pasticcieri. “Tuttavia, a discapito di tale provvedimento, diversi panifici della città e dei Comuni limitrofi, registriamo aver aumentato la produzione anche di prodotti dolciari. La nota arriva dal coordinamento comunale di Diventerà Bellissima Trapani che raccoglie i malumori di diversi pasticcieri trapanesi. Vero è che per la giornata di oggi, 19 marzo, – spiega il Dott. Roberto Mollica coordinatore Comunale di “Diventerà Bellissima” – diversi panettieri aderenti alle associazioni di categoria, per spirito di solidarietà con i pasticcieri, non produrranno né metteranno in commercio, i tradizionali sfincioni di S.Giuseppe, ma questo non basta.

Riceviamo – ha aggiunto – infatti diverse segnalazioni che in questi giorni, diversi panifici hanno messo in commercio svariati tipi di prodotti dolciari. Seppur corretto sul piano legale, tale condotta a nostro parere, pregiudica eticamente e moralmente le regole non scritte della concorrenza e dell’arricchimento in danno dei colleghi pasticcieri, forzosamente chiusi. La cosa opportuna da fare a nostro avviso, sarebbe quella di emettere un’ordinanza comunale che possa dirimere la questione limitando per i fornai la produzione dei soli prodotti da forno con esclusione dei dolci, che non possono considerarsi generi di prima necessità. Nell’attesa e nell’incertezza che il Sindaco adotti tale Ordinanza – conclude il dott. Roberto Mollica – in questo periodo emergenziale, chiediamo noi intanto che i fornai solidarizzino con i pasticcieri locali evitando di produrre prodotti dolciari”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMusumeci a Mattino 5: “Picco contagi previsto per fine mese, tutto dipenderà da noi”
Articolo successivoCoronavirus, Guardia di Finanza Trapani sequestra mascherine prodotte e vendute abusivamente