Prosegue la didattica a distanza a Castellammare. Alla scuola Pascoli: “Un gran lavoro di gruppo”

1961

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Continuano le attività di didattica a distanza nelle scuole del territorio. Dopo una partenza un po’ difficoltosa per molti istituti scolastici della provincia, adesso tutti sembrano essere ormai a pieno regime.

Le misure introdotte dal Governo con il Dpcm del 4 marzo e con il Dpcm del 9 marzo per arginare la diffusione del Coronavirus, hanno dato avvio alla didattica a distanza per gli studenti italiani di scuole e università. Si tratta di uno strumento utile per garantire la continuità didattica.

All’istituto Autonomo Comprensivo “Pascoli-Pirandello” di Castellammare del Golfo gli alunni ogni mattina, dalle 8:30 alle 13:40 seguono le lezioni comodamente da casa, davanti allo schermo di un computer. L’istituto aveva già sperimentato questo tipo di attività già nel 2018. Infatti mediante le “classi virtuali” sono stai trai i primi a far partire il servizio per i proprio alunni. “Il nostro Istituto – ha affermato il dirigente Salvatore Tinnirello – utilizza da alcuni anni strumenti software appositamente progettati per la creazione e l’efficace gestione delle classi virtuali basati sulla piattaforma GSuite for Education, cui la scuola ha aderito all’inizio del 2018 e che, forniscono gratuitamente svariati servizi a disposizione di insegnanti e studenti. Gli applicativi più utili, nello specifico, tra quelli presenti nella Suite, sono le APP denominate “Classroom”, che consente la gestione delle classi, e “Meet”, che permette lo svolgimento di videoconferenze fino ad un limite di 250 partecipanti” –  ha aggiunto il dirigente Salvatore Tinnirello. Inoltre quasi tutti i docenti dell’istituto sono stati adeguatamente formati all’utilizzo delle piattaforme online attraverso corso di formazione svolto oltre un anno prima.

Da mercoledì, quindi, sono attive le lezioni a distanza con tutti gli alunni che frequentano le classi di scuola secondaria di primo grado. Nessuno è rimasto escluso, tutti sono coinvolti nelle attività di didattica a distanza, anche gli alunni con disagio che hanno la classe denominata “sosteniamoci”.

“I docenti seguono il loro orario di servizio, e convocano gli alunni in videoconferenza, tramite l’applicazione “Meet” poi creano i corsi su “Classroom”. Gli insegnanti si alternano nella classe virtuale proprio come se fossero a scuola ma concedendo giustamente qualche momento di pausa in più poiché i ragazzi seguono le lezioni davanti al computer per quasi cinque ore. Tutti sono riusciti ad avere accesso alla classroom che consente di ritrovarsi nello stesso luogo virtuale, all’orario stabilito, per condividere la mattinata di studio proprio come se fossero a scuola.  Compreso il preside che entra ed esce dalle classi virtuali.

“Sono lieto della tempestività e collaborazione di tutti perché già eravamo praticamente pronti con alcune classi pilota per l’utilizzo di video lezioni. – ha sottolineato il dirigente Salvatore Tinnirello – Gli insegnanti hanno da subito risposto benissimo lavorando ininterrottamente per non perdere il contatto con le classi, e gli studenti si sono subito dimostrati disponibili ad accedere alla scuola online”. Il Dirigente Tinnirello fin dal suo insediamento ha spinto per l’innovazione tecnologica con una visione sempre più rivolta alle nuove forme di comunicazione utili per la didattica.” Oggi la scuola procede le sue attività online riuscendo a coinvolgere tutti, un gran lavoro di gruppo tra docenti, personale, alunni e famiglie. Perché in questi momenti è fondamentale che nessuno resti indietro.

Sullo stesso argomento:

Le scuole trapanesi ai tempi del coronavirus, tra “classi virtuali” e video-lezioni