Nuovo servizio rifiuti a Castellammare: in distribuzione i contenitori per le utenze domestiche

1226

Dal 27 febbraio saranno consegnati nei locali ex Esa, in via Ferrara, dalle ore 8,30 alle 13 e dalle ore 14 alle 17. Giorno 1 aprile parte il nuovo servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. In partenza il nuovo servizio di raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti. L’amministrazione comunale informa la cittadinanza che da giovedì 27 febbraio 2020 dalle ore 8,30 alle 13 e dalle ore 14 alle 17, nei locali ex Esa, in via Ferrara, n 5, saranno consegnati gratuitamente i nuovi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. È possibile ritirare i contenitori anche per altri utenti esibendo la tessera sanitaria dell’intestatario del ruolo Tari. Dal 1 aprile, infatti, prenderà il via il nuovo servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti che prevede numerose novità tra le quali proprio il ritiro dell’immondizia solo negli apposti contenitori.

“Il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta in partenza dal primo aprile, consentirà di differenziare più facilmente poiché i rifiuti saranno ritirati a domicilio e sul territorio non ci saranno più cassonetti ma i cittadini potranno conferire l’immondizia nel centro comunale di raccolta che è  pronto e che ci permetterà di garantire decoro ed igiene pubblica, migliorando i livelli di differenziata  – spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore all’Ambiente Vincenzo Abate- i dettagli del nuovo servizio saranno resi noti alla cittadinanza a breve ma intanto invitiamo tutti a recarsi nei locali dell’ex Rsa e ritirare i contenitori per la nuova raccolta porta a porta.  Ricordiamo che la ditta Agesp si è aggiudicata la gara che prevede un netto cambio con l’appalto in partenza il primo aprile e che, per sette anni, ci consentirà di avere un servizio di raccolta e smaltimento rifiuti continuato ed esteso anche a zone prima non servite come le periferie. Tutto il territorio sarà coperto dalla differenziata e saranno eliminati i cassonetti così da limitare anche discariche. Con soddisfazione facciamo presente di aver risolto anche il problema dell’organico – sottolineano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Vincenzo Abate- perché siamo riusciti a trovare una soluzione alternativa che ci consentirà di riprendere per tre giorni a settimana, a lungo termine e senza più conferimenti a singhiozzo, la raccolta dei rifiuti organici. Un netto cambiamento da noi attuato nel settore e che consentirà, anche tramite misure come la videosorveglianza, di migliorare considerevolmente il servizio”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani, controlli in materie di sicurezza sul lavoro: 5 denunce e sanzioni per oltre 40 mila euro
Articolo successivoCoronavirus, negativi esami su comitiva bergamasca e dipendenti hotel