Imposta di soggiorno non versata per 170 mila euro. Amministratrice di tre strutture ricettive denunciata per peculato

946

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Palermo, al termine di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal G.I.P del Tribunale di Palermo, hanno notificato a Maria Giuseppina Solito (cl. ‘79) originaria di Alia (PA), la misura cautelare dell’interdizione per un anno dall’esercizio di qualsiasi attività imprenditoriale, con conseguente impossibilità per l’indagata di ricoprire uffici direttivi delle imprese.

A seguito degli approfondimenti eseguiti dagli specialisti del Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle, l’indagata – amministratrice di tre importanti strutture ricettive a Palermo (due alberghi e un bed & breakfast) – è stata denunciata per peculato, per non aver versato al Comune l’imposta di soggiorno riscossa negli anni dal 2014 al 2018, per un importo complessivo di oltre 170.000 euro.

L’albergatore che riscuote per conto del Comune tale tributo, introdotto a Palermo nel 2014 (che deve essere corrisposto da tutti coloro, non iscritti nell’anagrafe del Comune di Palermo che pernottano nelle strutture ricettive della città), riveste, infatti, la qualità di “agente contabile” e, quale “incaricato di pubblico servizio”, se non provvede nei modi e nei tempi previsti all’obbligo di versamento di quanto riscosso dai clienti per conto dell’Ente pubblico si rende appunto responsabile del grave delitto di peculato.

Nel caso di specie, l’indagata solo a seguito delle attività ispettive poste in essere dai finanzieri nel corso del 2019 ha, poi, provveduto alla regolarizzazione del cospicuo debito con il Comune di Palermo, così evitando il sequestro preventivo del profitto del reato, nonché i connessi profili di responsabilità erariale che sarebbero stati valutati dalla Corte dei Conti.

Sulla base delle risultanze acquisite, il giudice per le indagini preliminari, valutati “gravità dei fatti, la pluralità e la sistematicità dei medesimi, l’estensione di essi a livello di propria pratica di gruppo imprenditoriale”, ha ritenuto concreto il pericolo di reiterazione del peculato ipotizzato ed ha conseguentemente applicato la misura cautelare interdittiva del divieto di svolgere attività d’impresa.

Continua l’azione della Guardia di Finanza per il contrasto al fenomeno dell’evasione dell’imposta di soggiorno, al fine sia di garantire il relativo gettito che è destinato a finanziare “interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali”, sia per reprimere comportamenti scorretti degli imprenditori che, non versando quanto riscosso, alterano i principi di leale concorrenza a danno degli operatori onesti e rispettosi delle regole.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOmicidio di Terrasini, Carabinieri fermano coetaneo
Articolo successivoAlcamo, la storia di Antonio che non si è arreso alla dislessia. “La mia seconda laurea come riscatto”