Riciclano i soldi della mafia coi pancali: 12 arresti, 4 in Toscana

1193

La Finanza ha scoperto una galassia di società fantasma che ripulivano il denaro della famiglia Tagliavia di Corso dei Mille a Palermo*

PRATO. Riciclavano ingenti somme di denaro (40 milioni di euro in quattro anni, dal 2015 al 2018) per conto della famiglia mafiosa dei Tagliavia di Corso dei Mille, a Palermo. Questa l’accusa che oggi, 6 febbraio, ha portato in carcere 12 persone (7 residenti a Palermo, due a Prato, una a Campi Bisenzio e una a Sesto Fiorentino). Gli arresti, in esecuzione di un’ordinanza di custodia emessa dal gip di Firenze su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, sono stati eseguiti dalla guardia di finanza di Prato. Oltre agli arresti si è proceduto anche al sequestro di 15 aziende, di decine di conti correnti e disponibilità finanziarie nonché a 120 perquisizioni domiciliari e locali.

CHI SONO GLI ARRESTATI

Secondo quanto accertato, punto di riferimento indiscusso dell’associazione per delinquere sarebbe Francesco Paolo Clemente, 42 anni, residente in Corso dei Mille a Palermo, finito in carcere. Per l’accusa era lui il “dominus” di diverse ditte e società operanti nel commercio dei pallets. Attorno a lui si muoveva una fitta rete di collaboratori. Tra questi il cugino Giacomo Clemente detto ‘il tuta’, residente a Sesto Fiorentino, anche lui destinatario di custodia cautelare in carcere. La stessa misura è stata applicata a Francesco Paolo Mandal, alias ‘gemellino’, 31enne di Villabate (Palermo), Alfonso Domenico Imperiale, 62 anni, pugliese residente a Prato, Gaetano Lo Coco detto ‘il ragioniere’, 44 anni di Palermo, e Francesco Paolo Saladino, palermitano di 53 anni. Ai domiciliari sono finiti Leonardo Clemente, 66 anni di Palermo, Pietro Clemente, 55 anni, anche lui residente a Palermo, Santo Bracco, 69enne palermitano residente a Prato, Filippo Rotolo 46 anni di Palermo e i suoi due figli Giulia, 25 anni, e Vincenzo, di 28, entrambi residenti a Campi Bisenzio.

 INCHIESTA INIZIATA NEL 2017

Si tratta di un’inchiesta di cui si è cominciato a parlare già il 19 luglio 2017, quando scattarono tre arresti nell’ambito di un’inchiesta su quella che fu chiamata “mafia dei pancali”, perché si scoprì che il riciclaggio di denaro sporco veniva realizzato grazie ad alcune società che commercializzavano pallets. L’attività investigativa, dunque, inizialmente diretta dalla Procura della Repubblica di Prato, è proseguita, dal 2017, con il coordinamento della competente Direzione antimafia, essendo emersi significativi collegamenti con la criminalità mafiosa siciliana.

Dalle indagini è emersa una presunta associazione a delinquere, ben organizzata e strutturata, la quale, al fine di immettere nel circuito economico denaro di provenienza illecita, ha creato e gestito  – direttamente e tramite una serie di prestanome – una galassia di imprese con sedi in tutto il territorio nazionale ed in particolare in Toscana, Sicilia e Lazio (in totale 33), in parte reali ed effettivamente operanti ed in parte di fatto inesistenti in quanto sprovviste di qualsiasi idonea struttura imprenditoriale; tutte con oggetto sociale il commercio di pallets, ovvero le pedane in legno comunemente utilizzate per il trasporto e la movimentazione di vari tipi di materiale. Lo scopo del sodalizio illecito era quello di riciclare, ostacolando l’identificazione della provenienza delittuosa, i proventi degli affari criminali della “famiglia mafiosa di Corso dei Mille” di Palermo, capeggiata da Pietro Tagliavia, soggetto condannato con sentenza irrevocabile per il reato di associazione mafiosa, figlio di Francesco Tagliavia, già esponente di vertice del mandamento di Brancaccio, condannato anch’egli all’ergastolo sia per la strage di via d’Amelio a Palermo che per quella di via dei Georgofili a Firenze.

Gli indagati si erano messi a completa disposizione di Pietro Tagliavia, nel periodo in cui egli era detenuto presso la casa circondariale di Prato, tanto da reperirgli nel 2017 un’abitazione in Campi Bisenzio dove aveva poi scontato gli arresti domiciliari e da fornirgli, clandestinamente ed in violazione delle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria, un telefono con il quale mantenere i contatti anche con i propri sodali in Sicilia. La provenienza dalla Sicilia di parte del denaro riciclato ha trovato conferma anche in molte conversazioni telefoniche intercettate e nei successivi riscontri investigativi. Nel corso delle indagini sono stati inoltre rilevati movimenti di denaro, evidentemente “ripulito”, a favore del capo-cosca palermitano. Il riciclaggio ha riguardato anche i proventi dei reati di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, commessi sia nell’ambito dei rapporti tra le imprese gestite dal sodalizio che a favore di aziende ad esso estranee; queste ultime versavano – tramite bonifico – il corrispettivo degli importi falsamente fatturatigli, che tornavano poi nella loro disponibilità, in contanti, decurtati della percentuale del 10% a titolo di commissione. In virtù di tali operazioni, che gli stessi indagati chiamavano – nelle conversazioni intercettate – “fantasmini”, le imprese beneficiarie estranee al sodalizio – oltre a garantirsi utili provviste “in nero” – potevano trarre evidenti vantaggi fiscali e porsi, quali concorrenti sleali, in posizione privilegiata nei confronti dei competitors del settore commerciale di riferimento. Per il sodalizio, invece, oltre al consistente guadagno, tali ulteriori flussi finanziari e commerciali, intrecciandosi con gli altri, contribuivano a rendere ancor più complicata la ricostruzione dell’operato delle società e delle ditte coinvolte.

L’importo totale delle fatture false emesse ed utilizzate ammonta ad oltre 50 milioni di euro. La contestazione dei reati di riciclaggio ed autoriciclaggio concerne, negli anni tra il 2015 ed il 2018, una somma complessiva di circa 40 milioni di euro.  L’associazione a delinquere ha operato realizzando un imponente giro di denaro, per un importo totale di oltre 150 milioni di euro, caratterizzato da continue operazioni di accredito e di addebito di somme anche ingenti, giustificate quali pagamenti di fittizie forniture di merce, tramite documentazioni contabili non di rado artatamente predisposte a posteriori. Dopo vari passaggi, talora – per confondere ancor di più le acque – intervallati da pagamenti di transazioni commerciali almeno in parte reali, per ultimo le somme erano quasi sempre prelevate in contanti dai conti di ditte inesistenti; a ciò provvedevano, mediante reiterati e frazionati prelevamenti anche nel corso della stessa giornata, emissari dell’organizzazione, ignari della presenza discreta dei Finanzieri che, poco distante, osservavano, annotavano e registravano. In alcuni casi la provvista creata era impiegata per eseguire ulteriori movimentazioni di denaro a favore di altre imprese del gruppo. Il vorticoso giro di denaro ha trovato peraltro puntuale conferma nello sviluppo di 36 specifiche segnalazioni di operazioni sospette, riscontrate dai finanzieri del Gruppo di Prato, pervenute – tramite il Nucleo Speciale di Polizia Valutaria – dagli operatori finanziari a ciò obbligati ai sensi della vigente normativa antiriciclaggio.

Centrale, rispetto alla contestazione del reato di riciclaggio, il ruolo affidato alle numerose ditte inesistenti, appositamente create, da un lato per agevolare Cosa nostra attraverso la canalizzazione di un fiume di denaro sui conti correnti opportunamente accesi, gestiti e svuotati, per ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa di tali somme, dall’altro per consentire – attraverso il giro di fatture false – indebiti vantaggi fiscali e posizioni dominanti sul mercato. Emblematico il caso di due cittadini dello Sri Lanka, titolari di altrettante ditte individuali – con oggetto sociale il commercio di pallets – con sedi dichiarate a Prato, ma di fatto inesistenti, sui cui conti correnti in circa due anni sono transitati, complessivamente, più di 20 milioni di euro.

Il sistema illecito emerso ruotava attorno a due gruppi familiari di origine siciliana, imparentati tra loro, stanziati in Toscana ed in Sicilia. Fondamentale il ruolo assunto da uno dei dodici arrestati, un consulente del lavoro già sospeso dal proprio ordine professionale, incaricato della gestione finanziaria di talune imprese utilizzate dal sodalizio, nonché degli aspetti amministrativi, comprese le formalità inerenti alla costituzione delle ditte inesistenti, cui provvedeva utilizzando anche falsi documenti di identità. L’associazione a delinquere contava inoltre su una fitta rete di collaboratori, molti dei quali ricoprivano il ruolo di fittizi titolari di ditte inesistenti.

*Fonte iltirreno.geolocal.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteConfisca di beni per oltre 2 mln di euro a Cristoforo Palmieri, risultato vicino a Stidda e Cosa nostra di Gela
Articolo successivoLotta al contrabbando di sigarette: sequestrati 268kg di tle. Un arrestato