“Studio di dettaglio del centro storico di Alcamo”

892

Mercoledì 5 febbraio, presso il Centro Congressi Marconi, a partire dalle ore 16.00, si svolgerà il Convegno organizzato dal Comune di Alcamo, con il patrocinio degli Ordini Professionali della provincia di Trapani e la collaborazione dell’ufficio del Genio Civile di Trapani, dal titolo “Studio di dettaglio del Centro Storico di Alcamo – Bonus Sismico – Adeguamento Sismico degli edifici”.

“Il convegno – dichiara il V/Sindaco Vittorio Ferro – è volto a presentare alla Città ed alle categorie interessate lo studio di Dettaglio del Centro Storico di Alcamo, approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 67 del 11/06/2019. Si parlerà, quindi, della valorizzazione del nostro centro storico e delle opportunità derivanti dalle normative inserite nella Legge di Bilancio in materia di sismabonus, ecobunus e bonus facciate”.

Continua Ferro “Siamo molto soddisfatti per l’ampia partecipazione da parte degli ordini professionali. L’Amministrazione sta investendo tempo e risorse per promuovere in modo efficace la valorizzazione ed il recupero del patrimonio esistente, nell’ambito di una programmazione strategica che mira ad una rigenerazione complessiva del nostro territorio per rendere la nostra una comunità resiliente”.

Al seminario, oltre all’Amministrazione e agli uffici della direzione 1 (Sviluppo territoriale – Urbanistica) rappresentati dal dirigente ing. Dorotea Martino, parteciperanno il vice-direttore del Centro Interdipartimentale per le ricerca Centri Storici prof. Ing. Giuseppe Trombino che ha coordinato le attività di collaborazione scientifica tra il Comune di Alcamo ed il Circes e l’ing. Capo dell’Ufficio del Genio Civile di Trapani, Giancarlo Teresi (esperto adeguamento sismico edifici), oltre ad un relatore esperto individuato dall’ordine degli ingegneri della provincia di Trapani (esperto Sisma Bonus, Ecobonus, Bonus Facciate), nonché i rappresentanti degli Ordini Professionali della provincia di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLe campane non solo per i funerali ma, a festa, per ogni nuova nascita
Articolo successivoDal “feudo” alcamese dei 5S parte un duro attacco al Movimento delle Sardine