Castellammare, riordino del piano di utilizzazione delle aree demaniali marittime. Interpellanza della minoranza

729

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. I consiglieri comunale del gruppo di minoranza “Castellammare 2.0”  hanno presentato un’interpellanza sul riordino del PUDM ( Piano di utilizzazione delle aree demaniali marittime). “Premesso che in questi giorni si stanno succedendo diversi incontri finalizzati al riordino normativo in materia di concessioni demaniali, l’ultimo dei quali in 23 gennaio u.s. svoltosi a Palermo alla presenza dell’assessore regionale Totò Cordaro e della parlamentare regionale Giusy Savarino relatrice del testo di legge approvato all’ARS per l’estensione quindicennale della concessioni demaniali marittime in Sicilia; che il rinnovo della concessione demaniale è importantissimo per tante attività economiche del territorio; si rende quanto mai necessario accelerare , anche in questo clima d’incertezza,  la redazione del P.U.D.M.   per le iniziative connesse ad attività di tipo privatistico; che tale strumento di pianificazione – scrivono i consiglieri – individua le modalità di utilizzo del litorale marino disciplinandone gli usi per finalità pubbliche; il Comune di Castellammare del Golfo con delibera n. 67 del 22.03.2018 ha provveduto a prendere atto degli elaborati del P.U.D.M. seguendo le procedure per l’approvazione previste dalla L.R. 17 marzo 2016 n. 3, linee guida adottate con D.A. 319/GAB del 5 agosto 2016 e s.m.i. Con la presente – concludono i consiglieri Coppola, D’Aguanno, Di Gregorio e Titola – interpelliamo l’Amministrazione per sapere delle difficoltà sopravvenute,  ritenendo fondamentale per gli interessati e per il Comune l’attivazione di questo importante strumento”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani candidata a Capitale della Cultura 2021. La lettera aperta dell’Assessore Rosalia D’Alì
Articolo successivoAccoglienza e antirazzismo: “Buseto dimostra ancora una volta il suo grande cuore”. VIDEO