Castellammare, completata la metanizzazione della cala marina

510

Il sindaco: “L’ampliamento della rete è importante in termini ambientali ed economici. Obiettivo raggiunto: atteso da anni da residenti ed attività”

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il sindaco Nicola Rizzo fa presente che è stato ultimato da qualche giorno l’ampliamento della rete del metano che è adesso fruibile alla cala marina, il frequentato viale don Leonardo Zangara dove si trovano numerose attività tra bar, ristoranti, pizzerie ed alberghi..

“Un traguardo importante che migliora la qualità della vita ed a costo zero per il Comune poiché i lavori sono realizzati dalla ditta che gestisce il metano in città: i lavori di metanizzazione della cala marina sono stati avviati ad aprile scorso ma sono poi stati sospesi nel periodo pasquale ed estivo al fine di consentire la fruizione dell’area ai tantissimi che la raggiungono in questi periodi -spiega il sindaco Nicola Rizzo-. Ringraziamo tutti per la collaborazione, esercenti e cittadini, poiché è chiaro che l’estensione del metano è importante dal punto di vista ambientale, poiché si tratta di una fonte energetica sicura e rispettosa dell’ambiente, ma anche in termini economici. Gli allacci sono chiaramente a carico di chi è interessato:  il metano nella zone era richiesto da anni da residenti ed attività e per questo dall’insediamento abbiamo programmato l’estensione della rete e velocizzato le procedure di avvio ottenendo il benestare dell’assessorato regionale.  La ditta che si occupa della gestione della rete, ultimata circa sette anni fa ha adesso completato i lavori e  -conclude  il sindaco Nicola Rizzo- siamo soddisfatti di aver raggiunto un altro degli obiettivi prefissatici”. I lavori di ristrutturazione dell’impianto già esistente sul territorio furono avviati nel 2011 dall’allora  amministrazione Bresciani, con l’inserimento di nuove tubazioni nei vecchi canali e l’ampliamento della rete di distribuzione. I lavori della ditta, allora denominata Gas Natural, oggi 2i Rete gas, terminarono nel 2013, ma per la cala marina non fu possibile prevedere la rete del metano che è stata realizzata adesso.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCriticità e soluzioni per SUAP e SUE, incontro con i tecnici dell’Associazione ACTIO
Articolo successivoCalcio a 5 femminile, il Castellammare si arrende al Vis Fondi