Viaggiare da e per la Sicilia, via aerea, a prezzi contenuti? Si può fare, ma…

3448

Bando continuità territoriale, aeri a costi più bassi, ma non per tutti i siciliani

Il bando per la continuità territoriale firmato dalla ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, su sollecito del viceministro dei 5 stelle Giancarlo Cancelleri, permetterà di viaggiare da e per la Sicilia, via aerea, a prezzi contenuti, ma per ora solo dagli aeroporti di Trapani e Comiso. Per il resto della Sicilia si riproporrà una problematica da decenni sollevata da questa parte dell’Italia.

Trapani e Comiso, i costi?

I cittadini siciliani che usufruiranno degli aeroporti di Trapani e Comiso di sicuro daranno felici visto che il bando ministeriale è stato già firmato per l’aeroporto di Trapani, e per l’aeroporto di Comiso è in itinere. I prezzi? Si parla di un massimo di 35/45 euro per le tratte Trapani-Trieste, Trapani-Brindisi, Trapani-Ancona, Trapani-Perugia, Trapani-Napoli. Mentre per il bando di Comiso addirittura si scende al tetto massimo di 38 euro per la tratta Comiso-Roma Fiumicino e di 50 euro per la Comiso-Linate. In più le compagnie che parteciperanno al bando potranno fare offerte anche minori su questi prezzi in cambio del sostegno pubblico.

I problemi per i cittadini di altre parti della Sicilia

Il bando riguarda solo gli aeroporti di Trapani e Comiso, quindi i cittadini di altre parti della Sicilia dovranno attendere oppure sobbarcarsi i costi per raggiungere questi aeroporti, e qui si metterebbe in evidenza un altro problema, visto che i collegamenti interni in Sicilia sono deficitari.

Le dichiarazioni del Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci

“Esprimiamo compiacimento per l’epilogo di una vicenda che per mesi, insieme all’assessore alle Infrastrutture Falcone, abbiamo seguito con particolare impegno”. Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando il via libera al bando per la continuità territoriale dell’aeroporto di Trapani, da parte del governo nazionale. E al quale dovrebbe seguire quello per Comiso.

“La Regione Siciliana – prosegue il governatore – ha destinato ben 16 milioni di euro, oltre alle risorse dello Stato, per arrivare a questo risultato che è il completamento di un percorso complesso e impegnativo, che ci ha visto in prima linea a Roma e Bruxelles. Ma è solo il primo passo. La vertenza sul caro-voli, per gli altri aeroporti dell’Isola, infatti, prosegue. Abbiamo già chiesto al governo nazionale di attivare le procedure, previste dalla legge 388/2000, affinché anche gli aeroporti di Palermo e Catania possono godere degli stessi benefici per i collegamenti con Roma e Milano. In tal senso, siamo pronti a investire altre risorse per ridurre i disagi dei siciliani”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEx Province al voto il 19 aprile, ma dopo i vari rinvii c’è chi ancora non ci crede
Articolo successivoBlitz antimafia tra Catania e Mazara del Vallo
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.